IESON - la community anticalvizie - domande su trico
Nome Utente
Password
Salva Password Password dimenticata?
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:

Vegeta94
Membro Attivo

Vegeta

Regione: Campania
Città: Cava De Tirreni


320 Messaggi

salve a tutti avrei alcune domande da fare riguardo la tricopigmentazione:
1.a quanti mm al massimo bisogna portare i capelli dopo aver fatto una tricopigmentazione effetto rasato?
2.io mantengo ancora un'ottima densità di capelli ma vorrei aggiustare la hair line..c'è il rischio che l'effetto risulti innaturale o la differenza tra pigmento e capelli veri non si noterebbe?(sempre parlando di effetto rasato)
3.è possibile continuare le cure topiche dopo una tricopigmentazione oppure si rischia di ridurre la durata del pigmento?

alves
Membro Senior


Regione: Piemonte


583 Messaggi

Inserito il - 28 agosto 2013 : 17:22:21 Invia a alves un Messaggio Privato Rispondi Quotando
1)la lunghezza dei capelli dipende dalla tua densità indigena. Se hai ancora una buona densità nelle zone che vorresti tricopigmentare potresti portarli anche sui 5mm.Se la tua densità in tali zone non fosse ottimale,al punto che si vedrebbe la cute scura(quella tricopigmentata) senza capelli in quella zona,sarebbe meglio 1-2 mm o ancora meglio a pelle.
In tutti e due i casi,più i capelli sono corti,più il risultato è naturale.
2)se la tua densità in hairline è abbastanza inferiore rispetto il resto della testa,vale il discorso di sopra: più li porti corti,più l'effetto risulta naturale. Rasati a zero/1 mm risulta un effetto molto naturale solitamente. Una buona soluzione potrebbe essere in ogni caso un leggero trapianto FUE in cui si sfruttino poche unità follicolari per ricostruire un hair line non necessariamente folta,e portare i capelli rasati integrando con una tricopigmentazione.
3)le terapie topiche possono essere continuate(direi DEVONO essere continuate) ma influiscono sulla durata della trico stessa.
Altri fattori che influiscono sono l'esposizione al sole,quindi anche lampade e simili,la sudorazione,l'età(da cui dipende la capacità di rigenerazione e ricambio della pelle).
Non ci sono comunque problemi in quanto è possibile,senza costi aggiuntivi oltre quelli del semplice mantenimento, ritoccare la zona trattata,solitamente,quante volte si desidera.
Aggiungerei anche in caso di tricopigmentazione di affidarsi a degli specialisti riconosciuti e di non guardare il prezzo. Come nel mondo dei trapianti,ho visto tricopigmentazioni da ergastolo.
Spero abbia chiarito i tuoi dubbi.
Un saluto
alves
Torna all'inizio della Pagina

Vincenzo Coni
Tecnico di Tricopigmentazione

Dermatrico Repair


Regione: Sardegna
Città: Cagliari


3189 Messaggi

Inserito il - 02 settembre 2013 : 17:07:37 Invia a Vincenzo Coni un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Quoto!

ottimo intervento!

alves ha scritto:

1)la lunghezza dei capelli dipende dalla tua densità indigena. Se hai ancora una buona densità nelle zone che vorresti tricopigmentare potresti portarli anche sui 5mm.Se la tua densità in tali zone non fosse ottimale,al punto che si vedrebbe la cute scura(quella tricopigmentata) senza capelli in quella zona,sarebbe meglio 1-2 mm o ancora meglio a pelle.
In tutti e due i casi,più i capelli sono corti,più il risultato è naturale.
2)se la tua densità in hairline è abbastanza inferiore rispetto il resto della testa,vale il discorso di sopra: più li porti corti,più l'effetto risulta naturale. Rasati a zero/1 mm risulta un effetto molto naturale solitamente. Una buona soluzione potrebbe essere in ogni caso un leggero trapianto FUE in cui si sfruttino poche unità follicolari per ricostruire un hair line non necessariamente folta,e portare i capelli rasati integrando con una tricopigmentazione.
3)le terapie topiche possono essere continuate(direi DEVONO essere continuate) ma influiscono sulla durata della trico stessa.
Altri fattori che influiscono sono l'esposizione al sole,quindi anche lampade e simili,la sudorazione,l'età(da cui dipende la capacità di rigenerazione e ricambio della pelle).
Non ci sono comunque problemi in quanto è possibile,senza costi aggiuntivi oltre quelli del semplice mantenimento, ritoccare la zona trattata,solitamente,quante volte si desidera.
Aggiungerei anche in caso di tricopigmentazione di affidarsi a degli specialisti riconosciuti e di non guardare il prezzo. Come nel mondo dei trapianti,ho visto tricopigmentazioni da ergastolo.
Spero abbia chiarito i tuoi dubbi.
Un saluto
.

Vincenzo Coni

(Dermopigmentista e direttore tecnico Dermatrico Repair)

email: info@dermatricorepair.it

web: http://www.dermatricorepair.it

fb: https://www.facebook.com/DermatricoRepair

fb: https://www.facebook.com/vincenzoconi

.
Torna all'inizio della Pagina

informato
Nuovo Membro


Regione: Lombardia
Città: Monza


28 Messaggi

Inserito il - 04 settembre 2013 : 15:29:59 Invia a informato un Messaggio Privato Rispondi Quotando
micropigmentazione.altervista.org
Torna all'inizio della Pagina

Vincenzo Coni
Tecnico di Tricopigmentazione

Dermatrico Repair


Regione: Sardegna
Città: Cagliari


3189 Messaggi

Inserito il - 04 settembre 2013 : 22:41:22 Invia a Vincenzo Coni un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Ciao , non capisco cosa sia questo messaggi che posti in più discussioni.
.

Vincenzo Coni

(Dermopigmentista e direttore tecnico Dermatrico Repair)

email: info@dermatricorepair.it

web: http://www.dermatricorepair.it

fb: https://www.facebook.com/DermatricoRepair

fb: https://www.facebook.com/vincenzoconi

.
Torna all'inizio della Pagina
 
Vai a:
IESON.com / Calvizie.net   -   La Community anticalvizie.
Copyright 2001-2016 - tutti i diritti riservati - riproduzione anche parziale vietata