IESON - la community anticalvizie - Shampoo Emsana
Nome Utente
Password
Salva Password Password dimenticata?
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:

Iso123
Membro Junior


Regione: Sicilia
Città: catania


53 Messaggi

Descrizione di Shampoo Emsana 150 ml (7760)

Dona nuova vita a tutti i tipi di capelli e li rende più brillanti e luminosi, rinforza la cute, regola le secrezioni sebacee e stimola la ricrescita. Per una delicata ma revitalizzante pulizia dei capelli.lucida e da volume ai capelli e cura e rilassa il cuoio capelluto in modo eccezionale.

Applicazione: spargere sui capelli bagnati, massaggiare leggermente e poi risciacquare.

Contenuto: EM fermentato, polvere di ceramica EM e soluzione idrosalina EM in una base di Shampoo naturale; leggermente profumatocon olii essenziali puri.

EM è un miscuglio di svariati microrganismi, costituito comunque in gran parte da lactobacilli, da microbi responsabili per la fotosintesi, da lieviti e miceti fermentanti.

Questo singolare insieme simbiotico, presente per altro in natura e non manipolato geneticamente, viene impiegato per irrobustire e indirizzare positivamente l’ambiente microbico già esistente, per avviare un processo di rigenerazione e di profilassi contro fenomeni degenerativi o patologici.

L’applicazione di EM migliora la qualità e la vigorosità di ogni sistema biologico, permettendo così di incrementare specialmente in agricoltura sia la qualità che anche la quantità del raccolto.

Da dove proviene EM?

Nell’anno 1981 uno scienziato di agraria, il Giapponese Teruo Higa, dopo quasi 20 anni di intense ricerche microbiologiche, fece per puro caso una scoperta singolare. Si accorse infatti che, contrariamente a quanto sostenuto dalla scienza ufficiale fino a quel momento, è possibile la convivenza di [microrganismi aerobi ed anaerobi] nella stessa soluzione nutritiva e che questa convivenza stimola la crescita e la proliferazione degli organismi presenti. Ne consegue uno stato di simbiosi tra le [diverse culture di microbi], che a sua volta aumenta la vigorosità dei singoli ceppi e rende possibile una grande varietà e diversità di effetti.

A questo insieme di svariati microrganismi il prof. Higa diede il nome di “Microrganismi efficaci” (EM), poiché il miscuglio si rivelò estremamente utile ed efficace nelle svariate applicazioni. Il miscuglio è costituito da microrganismi del tutto innocui per qualsiasi organismo e per l’ambiente.

Si tratta infatti di microrganismi che tra l’altro vengono impiegati anche nella produzione alimentare e che, come è stato possibile dimostrare, sono presenti in tutto il mondo, ognuno nel suo ambiente naturale.

Per produrre il miscuglio madre più consono a ciascun ambiente, i microrganismi vengono raccolti nel luogo al quale poi sono destinati. Ovviamente sono anche assolutamente privi di qualsiasi manipolazione a livello genetico.

EM non é un fertilizzante comune, non é un anticrittogamico e non contiene nessuna sostanza chimico-sintetica, ma é costituito esclusivamente da microbi presenti in natura e coltivati in un substrato di melassa di zucchero da canna.

Come agisce EM?

I benefici di EM si dimostrano in prima linea in agricoltura, dove con l’impiego di EM è possibile migliorare la qualità e lo stato di salute del suolo, ottenendo non solo un aumento della qualità dei prodotti agricoli, ma risolvendo anche non pochi problemi a livello ecologico, proprio come voluto dall’ideatore di EM. La possibilità di "vaccinare" i microrganismi ovunque presenti con i microbi positivi di EM si estende anche su tutte le altre superfici, su tutti i materiali e sistemi biologici.

EM insomma ha comunque un effetto rigenerante, ovunque lo si voglia impiegare per rinvigorire e prevenire degenerazioni e patologie.

Per capire l’azione e gli effetti sbalorditivi di EM, bisogna prendere in considerazione quei due principi fondamentali a livello micro-organico, che il prof. Higa scoprì durante le sue ricerche. Il primo riguarda la decomposizione ed la putrefazione, l’altro è il principio della dominanza. Vedi anche

Da 20 anni EM viene impiegato con grande successo a livello mondiale (in più di 150 paesi). EM è un mezzo multifunzionale che trova una vastissima gamma di applicazioni:

agricoltura e allevamento di bestiame
casa e giardino
smaltimento rifiuti
trattamento acque e risanamento dell’ambiente
edilizia abitativa e tecnica
benessere e rigenerazione
Il punto saliente di EM è proprio il funzionamento dei microrganismi. Per cercare di capire il loro modo specifico di agire e gli effetti del tutto eccezionali è necessario avvicinarsi prima a quelle scoperte microbiologiche fondamentali e travolgenti, che il professore universitario Teruo Higa non solo riuscì a formulare, ma volle anche trasmettere al mondo intero:

Come funziona EM?

1. La scoperta di una differenza sostanziale tra i due processi tramite i quali la natura scompone le sostanze organiche per renderle poi assimilabili da nuovi organismi, cioè il marcire e il decomporsi.

Il materiale organico che marcisce libera l’azoto e lo immette, sviluppando calore, solitamente sotto forma di ammoniaca nell’atmosfera. In seguito a questo processo, il materiale residuo (liquame, letame, composta ecc.) risulta impoverito di una parte della sua energia iniziale.
Il materiale che si decompone, al contrario, capta l’azoto con l’aiuto dei corrispettivi microrganismi e lo ingloba. Alla fine di questo tipo di processo troviamo quindi un materiale organico arricchito di energie e più digeribile, vale a dire più assimilabile e utilizzabile dai processi vitali seguenti. Un' ulteriore conseguenza importante della decomposizione è lo sviluppo di antiossidanti (per esempio durante la fermentazione e la formazione dello humus). In oltre il materiale in decomposizione non emana esalazioni.
2. La scoperta del principio della dominanza è il punto focale per la spiegazione dell’efficacia di EM. Grazie al prof. Higa oggi conosciamo tre gruppi di microrganismi. Due di loro sono i cosiddetti “microrganismi capo” ovvero gli organismi del marciume e gli organismi della decomposizione. Il terzo gruppo è costituito dai microrganismi “operai”. Questo gruppo molto numeroso di microrganismi “indifferenti” lavora – ed è proprio questo uno dei risultati più epocali delle ricerche di Higa – al servizio di quei microrganismi capo che hanno la maggioranza numerica. In caso di dominanza dei microrganismi addetti alla decomposizione, anche gli infiniti microrganismi operai agiscono in direzione della decomposizione – con tutti gli effetti salutari che questa sinergia esplica sulla crescita, sul rendimento, sulla qualità e sulla conservazione del raccolto. Se invece la maggioranza è rappresentata dai microrganismi del marciume, si dovrà rinunciare a qualsiasi effetto positivo, facendo inoltre i conti con gli inevitabili odori fastidiosi.

EM, il genio biochimico

Gli assi nella manica di EM, questo miscuglio di microbi sinergetici, sono la capacità di sopprimere i germi patogeni e di trasformare sostanze ostili alla vita in sostanze amiche insieme al potere di decomporre il materiale organico e di inibire il marciume e le esalazioni maleodoranti, tenendo lontani in questo modo anche parassiti e patologie. Alla base di questi effetti stanno i cinque ceppi principali di EM, che si sostengono a vicenda, nutrendo uno l’altro con i prodotti di scarto del proprio metabolismo e ognuno approfittando della simbiosi così mantenuta in vita. Per un’informazione più dettagliata sulla composizione di EM vedere [qui].

Antiossidazione e “sintropia”

Va assolutamente sottolineata una proprietà particolarmente notevole di EM: Si tratta del potere di causare l’antiossidazione, dovuto all’incredibile quantità di [antiossidanti] che vengono prodotti dai diversi cicli metabolici in corso tra i vari microrganismi. L’importanza del ruolo di questi antiossidanti per ogni processo vitale è indiscusso. In questo contesto bisogna fare anche cenno alla funzione rigenerante in generale dei microrganismi. Questo potere rigenerante, pur non essendo dimostrato in tutte le parti da ricerche scientifiche, coinvolge ogni materia, compresa quelli inorganica e sarebbe dovuto, secondo il prof. Higa, a delle onde di gravitazione emesse da certi microbi. Queste onde sarebbero degli antagonisti dell’entropia, cioè della tendenza universale al caos ed alla disgregazione e mostrerebbero dunque un effetto conservante, appunto “sintropico” su qualsiasi materia. L’argilla ovvero la ceramica sono in grado non solo di captare e conservare queste onde, ma anche di farle agire per un tempo illimitato.


Qualcuno a sentito parlare di questo prodotto? Costa sui 21 euro
 
Vai a:
IESON.com / Calvizie.net   -   La Community anticalvizie.
Copyright 2001-2016 - tutti i diritti riservati - riproduzione anche parziale vietata