IESON - la community anticalvizie - Cosmetici comedogenici
Nome Utente
Password
Salva Password Password dimenticata?
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:

Saisontor
Membro Attivo



478 Messaggi

Riporto da questo link che rimanda a un articolo su un sito per donne, sicuramente molto attente alle reazioni che certi ingredienti hanno sulla loro pelle: http://www.ilmiomakeup.it/ingredienti-comedogenici/

Dice pure che alcuni oli vegetali (ad esempio olio d'oliva) sono comedogenici mentre altri non lo sono (ad esempio l'olio di jojoba). Segnalate pure se trovate delle inesattezza nell'articolo.

Se questi ingredienti sono dannosi per i pori, potrebbero esserlo anche per i follicoli e il cuoio capelluto.

Ecco l'articolo:

"Sono definiti ingredienti comedogenici tutte quelle sostanze che provocano la formazione di comedoni (ovvero punti neri e brufoli) sulla pelle, perché responsabili di depositarsi all’interno dei pori della pelle, che così si riempie di impurità. Se la tua pelle è particolarmente soggetta a sviluppare imperfezioni di questo genere (quindi è grassa, impura o acneica), allora è bene che tu stia davvero molto attenta ai prodotti che utilizzi, perché proprio questi possono peggiorare di gran lunga la salute della tua pelle. I principali indagati sono soprattutto gli oli e le sostanze grasse: vediamo insieme come riconoscerli.

Ingredienti sicuramente comedogenici

Gli ingredienti comedogenici che provocano la comparsa di punti neri sono:

- isopropyl myristate

- isopropyl palmitate

- paraffinum liquidum, petrolatum, cera microcristallina, mineral oil

- vaselina

- alcuni siliconi

Quindi, se i tuoi prodotti per il viso contengono questi ingredienti ai primi posti dell’INCI ti consiglio di scartarli, dato che possono facilmente far peggiorare le condizioni della tua pelle. Una nota a parte la meritano i siliconi, dato che ne esistono di più leggeri e di più occlusivi. Sono comunque di origine sintetica e io cercherei di evitarli sempre.

Ingredienti probabilmente comedogenici

Oltre agli ingredienti visti sopra, che hanno sicuramente un forte potere occlusivo, questi che sto per citare sono invece da evitare solo se inseriti ai primissimi posti dell’INCI (primo, secondo o terzo posto) o se si ha già una pelle problematica. Le sostanze sono:

- cera alba

- cera d’api (beeswax)

- oli “pesanti” (olio d’oliva, olio di cocco, olio di avocado, olio di mandorle dolci, olio di rosa mosqueta).

Ebbene si, anche oli naturali come quelli appena citati possono dare problemi alla tua pelle se inseriti troppo in altro nella lista degli ingredienti (e quindi presenti in grandi quantità). A maggior ragione non utilizzare questo tipo di oli puri sul viso: l’olio puro sulla pelle, infatti, risulta molto più comedogenico rispetto a quello contenuto nelle creme. Questo perché mentre nelle creme l’olio è emulsionato ad altre sostanze, come l’acqua, che permettono di farlo penetrare a fondo, quando è applicato puro, invece, tende a rimanere in superficie perché fa fatica a passare la barriera idro-lipidica, dando così vita ai comedoni. Da questo puoi dedurre che applicare una buona crema è sicuramente molto più idratante rispetto ad applicare dell’olio puro sul viso.

Ingredienti non comedogenici

Ci sono poi degli oli che risultano essere decisamente meno pesanti sul viso, evitando il rischio di far insorgere impurità. Alcuni esempio sono il burro di karitè, olio di girasole, olio di crusca di riso, olio di mais, olio di sesamo, olio di jojoba, olio di vinaccioli (vinacciolo), meglio se spremuti a freddo e biologici. Per quanto riguarda le creme, invece, i prodotti più sicuri sono di certo quelli che presentano all’inizio dell’INCI sostanze come acqua e glicerina, o acqua e cetyl o cetearyl alcohol, che puoi quindi tranquillamente utilizzare anche se hai la pelle grassa o impura.

Piccoli test da fare

Quando stai per acquistare un prodotto puoi adesso attenerti a queste indicazioni, ma quando vuoi sapere se i prodotti che hai già in casa (e dei quali magari hai smarrito l’INCI) sono buoni o meno, puoi fare delle verifiche. Ad esempio applica la crema che vuoi testare su una zona del viso soggetta alle impurità (mento o fronte o guance): ripeti l’operazione mattina e sera per tre giorni e poi osserva bene la parte. Se si lucida poco dopo l’applicazione o si riempie di brufoli e punti neri, allora non va bene, altrimenti puoi benissimo continuare ad utilizzarla."

Saisontor
Membro Attivo



478 Messaggi

Inserito il - 03 maggio 2015 : 12:39:41 Invia a Saisontor un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Ho trovato un altro articolo più completo, preso da qui: http://naturaebellezza.forumfree.it/?t=60822371

"INGREDIENTI COMEDOGENICI e FATTORE DI COMEDOGENITA'

Si parla molto di ingredienti comedogeni ed esistono pareri molto contrastanti.
Cosa è comedogeno per la nostra pelle lo dobbiamo capire da soli, provando diverse creme ed osservando come reagisce la pelle: se la pelle diventa lucida dopo un po', quella crema per noi è comedogena. Magari non è per qualcun altro. Pertanto il fattore di comedogenitè è fortemente soggettivo.
In linea di massima e teorica vediamo comunque quali sono gli ingredienti considerati più comedogeni.

Definizione di comedogenicità
La comedogenicità o comedogenia, tipica di alcuni ingredienti di prodotti cosmetici, è un fenomeno che comporta la chiusura dei follicoli sebacei (osti follicolari) con conseguente comparsa di pustole, punti neri e punti bianchi ed insorge dopo settimane.
Il ristagno del sebo nel follicolo provoca ossidazione con conseguente comparsa dell’inestetismo cutaneo.
Si verifica un’alterazione nel processo di cheratinizzazione della pelle (il normale processo che porta alla continua desquamazione dello strato corneo – l’ultimo strato dell’epidermide – e al rinnovo conseguente della pelle).
Se infatti si altera il processo di cheratinizzazione, la cheratina delle cellule invece di “liberarsi” desquamando via, si accumula nel follicolo.
Non si deve confondere col termine acneicigità, il quale indica un problema derivato dall’uso di un cosmetico con una particolare concentrazione in lipidi ed in particolare di grassi specifici.
L’acneicigità è la cosiddetta follicolite che insorge rapidamente e comporta irritazione del follicolo con conseguente reazione tossica da parte della cute.

Fermo restando il carattere soggettivo della comedogenità, tuttavia possiamo considerare che le sostanze considerate "comedogeniche" (sono per la maggior parte sostanze a base grassa (lipidiche), che non necessariamente possono dare problemi acneici, oppure tensioattivi e coloranti che in entrambi i casi, possono diventare "comedigeniche" se utilizzate in maniera impropria o smodata. Solitamente il fenomeno,a meno che non siate particolarmente sensibili,o utilizziate un prodotto per una pelle completamente diversa dalla vostra,si manifesta dopo innumerevoli applicazioni,in quanto tali sostanze,vanno ad alterare il normale equilibrio della pelle col suo processo di rinnovo cellulare.

Ricordo che e' importante sapere che tutti gli elementi indicati in tabella sono "ipoteticamente" comedogenici, pertanto non e' detto che una tale sostanza presente in un prodotto debba necessariamente farvi riempire il viso di comedoni...potrebbe farlo,ma questo dipende dal vostro tipo di pelle e da come essa reagisce a contatto con determinate sostanze.

Ci sono però una serie di ingredienti più comedogenici di altri:

Ingredienti comedogenici ( e pure inquinanti e per niente eco-bio)
- isopropyl myristate
- isopropyl palmitate
- paraffinum liquidum
- petrolatum
- vaselina
- mineral oil

Ingredienti mediamente comedogenici
- cera alba
- beeswax (cera d’api)
- prunus dulcis (olio di mandorle dolci)
- rosa moschata (olio di rosa moscheta)
- altri oli “pesanti” (olio d’oliva).

Per le pelli grasse e impure si consiglia di evitare l’utilizzo di questi prodotti puri; meglio sempre miscelati con altri ingredienti e verificare che non siano al primo posto nell’INCI

Ingredienti NON comedogenici
- il burro di karitè ;
- oli “leggeri” spremuti a freddo e biologici fra cui: olio di girasole, olio di crusca di riso, olio di mais, olio di sesamo, olio di jojoba, olio di vinaccioli (vinacciolo).
A questi oli è possibile miscelare piccole percentuali di oli pesanti.

Alcuni consigli per testare i prodotti
Poiché su molti ingredienti il grado di comedogenicità o di irritabilità dipendono da fattori individuali dovuti al tipo di pelle, per essere sicuri della compatibilità di un prodotto si possono fare dei piccoli test.
Basterà applicare una minima quantità del prodotto da testare su una piccola parte del mento (oppure su altre zone soggette a punti neri e acne) sia mattina che sera per circa tre giorni.

In via generale si può definire comedogenico un prodotto che tende a far ingrassare la pelle; per cui i prodotti che presentano nell’INCI ai primi posti (primo, secondo, terzo nell’elenco ingredienti) più oli pesanti, o uno di quegli ingredienti particolarmente comedogenico, è evidentemente poco indicato.
Mentre, sempre in via generale, i prodotti cosmetici che presentano ai primi posti dell’INCI acqua e glicerina, o acqua e cetyl o cetearyl alcohol sono i più leggeri e sicuri dal punto di vista della comedogenicità.

Come combattere le impurità

- Fate una volta a settimana lo scrub : lo scrub è una tecnica di esfoliazione che permette di rimuovere le cellule morte e stimolare la formazione di un nuovo strato. Si consiglia di fare sempre uno scrub delicato e non aggressivo. Utilizzate farine a grana sottile o, se usati scrub già pronti, controllate che siano delicati.
- Lavare il viso con un detergente delicato che non contenga gli ingredienti sopra citati; struccarvi ogni sera prima di andare a dormire
- Applicare una maschera purificante una volta al settimana, magari a bsa di argilla verde o bianca. Non fate mai seccare la maschera completamente, non deve arrivare a “tirare” altrimenti seccherà troppo la vostra pelle.

Per aumentare l'efficacia di scrub e maschere potete esporre il viso per 10 minuti al vapore . Tenete il viso sopra ad una bacinella di acqua calda e copritevi la testa con una salvietta: il vapore facilita l'apertura dei pori consentendo una pulizia profonda.

Molto importante per mantenere la pelle libera da impurità è la scelta del fondotinta che è tra tutti i cosmetici quello che rimane di più a contatto con la pelle e su una superficie maggiore. Il fondotinta non deve eontenere siliconi e altri ingredienti comedogeni. E' consigliato l'utilizzo del fondotinta minerale in polvere a tutti coloro che soffrono di pelle grassa, perchè opacizza e lascia respirare la pelle.

Di seguito troverete una tabella con i piu' noti ingredienti comedogeni,in cui sono indicati l'inci e il potenziale livello di comedogenicita' indicato con un valore da 1 a 5.

•Acetylated Lanolin
(antistatico / emolliente / emulsionante)
4
•Acetylated Lanolin Alcohol
(antistatico / emolliente / emulsionante)
4
••Algae Extract
(vegetale)
5
••Algin
(legante / viscosizzante)
4
••Almond Oil
(Emolliente)
2
••Apricot Kernel Oil
(Emolliente)
2
•Arachidic Acid
(emulsionante)
2
•Ascorbyl Palmitate
(antiossidante)
2
••Avocado Oil
(Emolliente)
2
••Azulene
(additivo)
2
••BHA
(antiossidante)
2
••Benzaldehyde
(solvente)
2
•Benzoic Acid
(conservante)
2
••Beta Carotene
(additivo)
1
•Butyl Stearate
(emolliente)
3
••Butylated Hydroxyanisole
(antiossidante)
2
•Butylene Glycol
(umettante / solvente)
1
••Cajeput oil
(vegetale)
2
••Calendula
(emolliente)
1
••Camphor
(denaturante / filmante)
2
••Candelilla Wax
(cera)
1
•Capric Acid
(emulsionante)
2
•Caprylic Acid
(emulsionante)
1
••Carnuba Wax
(cera)
1
••Carotene
(antiossidante)
1
••Carrageenan
(legante / stabilizzante emulsioni / viscosizzante)
5
••Castor oil
(emolliente)
1
••Cetearyl Alcohol
(emolliente / emulsionante / stabilizzante emulsioni / opacizzante / viscosizzante)
2
•Ceteareth 20 + ••Cetearyl Alcohol
(emulsionante / tensioattivo)
4
••Cetyl Acetate
(emolliente)
4
••Cetyl Alcohol
(emolliente / emulsionante / opacizzante / viscosizzante)
2
••Cocoa Butter
(emolliente)
4
••Coconut Butter
(emolliente)
4
••Coconut Oil
(emolliente)
4
••Colloidal Sulfur
(antibatterico)
3
••Corn Oil
(emolliente)
2
••Cottons awws oil
(olio vegetale)
3
••Cottons seed oil
(olio vegetale)
3
••Crisco
(olio vegetale)
3
••Decyl Oleate
(emolliente)
3
••Dimethicone
(antischiuma / emolliente)
1
••Dioctyl Succinate
(emolliente / filmante)
3
•Disodium Monooleamido PEG 2-Sulfosuccinate
(tensioattivo)
4
•Ethoxylated Lanolin
(conservante)
3
•Ethylhexyl Palmitate
(emolliente)
4
••Evening Primrose Oil
(emolliente)
2
••Glyceryl Stearate NSE
(emolliente / emulsionante)
1
••Glyceryl Stearate NSE
(emolliente / emulsionante)
1
••Glyceryl-3 Diisostearate
(emolliente /emulsionante)
4
••Hexadecyl Alcohol
(solvente)
5
•Hexylene Glycol
(Umettante)
2
••Hydrogenated Castor Oil
(emolliente / emulsionante / tensioattivo / viscosizzante)
1
••Hydrogenated Vegetable Oil
(emolliente)
3
•Hydroxypropylcellulose
(legante / stabilizzante emulsioni / filmante / viscosizzante)
1
•Isocetyl Alcohol
(emolliente / viscosizzante)
4
•Isocetyl Stearate
(emolliente)
5
•Isodecyl Oleate
(emolliente)
4
•Isopropyl Isostearate
(legante/emolliente)
5
•Isopropyl Linolate
(emolliente / legante / condizionante cutaneo)
5
•Isopropyl Myristate
(legante / emolliente / solvente)
5
•Isopropyl Palmitate
(antistatico / legante / emolliente / solvente)
4
•Isostearyl Isostearate
(legante / emolliente)
4
•Isostearyl Neopentanoate
(legante / emolliente)
3
••Lanolin Oil
(emolliente)
1
•Laureth 23
(emulsionante / tensioattivo)
3
•Laureth 4
(emulsionante / tensioattivo)
5
••Lauric Acid
(emulsionante)
4
•Lithium Stearate
(additivo/opacizzante)
1
••Magnesium Stearate
(colorante cosmetico)
1
••Mink Oil
(emolliente)
3
••Myristic Acid
(emulsionante)
3
••Myristyl Lactate
(emolliente)
4
•myristyl myristate
(emolliente / opacizzante / condizionante cutaneo)
5
••Octyl Palmitate
(emolliente)
4
••Octyl Stearate
(emolliente)
5
••Oleth-3
(emulsionante)
5
•Oleth-10
(emulsionante / tensioattivo)
2
••Oleyl Alcohol
(emolliente / emulsionante / opacizzante / viscosizzante)
4
••Olive Oil
(emolliente)
2
•PEG 100 Distearate
(umettante)
2
•PEG 100 stearate
(tensioattivo)
1
•PEG 150 Distearate
(emulsionante / tensioattivo / viscosizzante)
2
•PEG 16 Lanolin
(umettante / solvente)
4
•PEG 20 Stearate
(emulsionante / umettante / tensioattivo)
1
•PEG 200 Dilaurate
(umettante / solvente)
3
•PEG 8 Stearate
(emulsionante / umettante / tensioattivo)
3
•PG Caprylate/Caprate
(emolliente/solvente)
1
•PG Dipelargonate
(emolliente/solvente/conservante)
3
•PG Monostearate
(emolliente/solvente/conservante)
4
•PPG 2 Myristyl Propionate
(emolliente)
4
••Palmitic Acid
(emolliente / emulsionante)
2
••Peanut Oil
(vegetale)
2
•Pentarythrital Tetra Isostearate
(emolliente)
2
•PG Dipelargonate
(emolliente/solvente/conservante)
2
•Polyethylene glycol
(emolliente/emulsionante)
1
•Polyglyceryl-3 Diisostearate
(emolliente/emulsionante)


4
••Potassium Chloride
(viscosizzante)
5
•Propylene glycol monostearate
(umettante / solvente)
4
••Red Algae
(Vegetale)
5
••Sandelwood Seed Oil
(emolliente)
2
••Sesame Oil
(emolliente)
2
••Shark Liver Oil
(emolliente)
3
•Simethicone
(emolliente)
1
••Sodium Chloride
(viscosizzante)
5
•Sodium Laureth Sulfate
(tensioattivo)
3
•Sodium Lauryl Sulfate
(denaturante / emulsionante / tensioattivo)
5
•Solulan 16
(emolliente)
4
••Sorbitan Oleate
(emulsionante)
3
••Soybean oil
(vegetale)
3
•Steareth 10
(emulsionante / tensioattivo)
4
•Steareth 2
(emulsionante / tensioattivo)
2
•Steareth 20
(emulsionante / tensioattivo)
2
••Stearic Acid
(emulsionante / stabilizzante emulsioni)
2
••Stearic Acid tea
(emulsionante / stabilizzante emulsioni)
3
••Stearyl Alcohol
(emolliente / stabilizzante emulsioni / opacizzante / viscosizzante)
2
•Stearyl Heptanoate
(emolliente)
4
•Sulfated Castor Oil
(emulsionante / umettante / tensioattivo)
3
•Sulfated Jojoba Oil
(emulsionante / umettante / tensioattivo)
3
•Stearyl Heptanoate
(emolliente)
4
•Triethanolamine
(regolatore di pH)
2
•Vitamin A Palmitate
(antiossidante)
2
••Wheat Germ Glyceride
(vegetale)
3
••Wheat Germ Oil
(vegetale)
5
••Xylene
(solvente)
4
•Zinc Oxide
(Additivo)
1 "
Torna all'inizio della Pagina
 
Vai a:
IESON.com / Calvizie.net   -   La Community anticalvizie.
Copyright 2001-2016 - tutti i diritti riservati - riproduzione anche parziale vietata