IESON - la community anticalvizie - Anti-estrogeni nella terapia della calvizie
Nome Utente
Password
Salva Password Password dimenticata?
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:

Guido Marino
Nuovo Membro


Regione: Campania
Città: Angri


36 Messaggi

Ciao ragazzi. Ripensando al positivo effetto antiestrogenico sui capelli della melatonina di cui parla la prof. Tosti, ho fatto un po' di ricerche.

In quest'articolo:

http://www.jidsponline.org/article/S1087-0024(15)30284-7/pdf

c'e' scritto che il 17 beta estradiolo somministrato topicamente blocca la fase anagen e che invece il Fulvestrant o ICI 182780 (antagonista puro del recettore degli estrogeni) stimola la crescita dei capelli sempre somministrato topicamente.

In quest'articolo:

http://www.jidonline.org/article/S0022-202X(15)30040-3/pdf

c'e' scritto che il 17 beta estradiolo somministrato topicamente blocca la fase anagen agendo tramite il recettore alfa mentre lascia il capello in anagen quando e' stato somministrato ai topi in cui il recettore alfa è stato geneticamente rimosso. Quindi e' il recettore alfa il protagonista. Il recettore beta a livello del capello non interviene.

Da cio' , a mio avviso, si capirebbe come mai la melatonina riducendo l'espressione del recettore alfa faccia bene al capello.



Sempre nel primo articolo viene detto che il 17 beta estradiolo quando somministrato topicamente inibisce la fase anagen del capello sia nell'uomo che nella donna. Allora come mai nei transessuali che assumono estrogeni i capelli sono folti? sempre nello stesso studio e' spiegato che il 17 beta estradiolo quando assunto per via sistemica (li' fa riferimento alla via peritoneale), stimola la crescita. Non so come mai e non mi sembra che venga spiegato; suppongo che l'ormone a livello sistemico esplichi un effetto benefico agendo prima di arrivare nel cuoio capelluto (riducendo il testosterone).
Sempre in questo studio viene analizzato il 17 alfa estradiolo e viene detto che nella donna stimola l'anagen mentre nell'uomo la blocca, quindi impedisce la crescita dei capelli.

Allora mi sono domandato come mai allora tanti, tra cui anche me, hanno notato un miglioramento nella calvizie applicando topicamente l'isomero alfa.
Cosi' ho letto in questo studio:

http://europepmc.org/abstract/med/7398983

che il 17 alfa estradiolo NON stimola la crescita ma impedisce solo la caduta riducendo il numero di capelli in telogen.

Definirei quindi il 17aEstradiolo un piacevole inganno per noi maschietti: Non ci fa crescere i capelli ma almeno ne blocca la caduta.
Nel secondo articolo che ho citato si analizza l'effetto che hanno gli estrogeni in topi maschi castrati.
Nel topo maschio castrato (tramite asportazione dei testicoli) si attiva la fase anagen. Applicando il 17 beta estradiolo viene bloccata la fase anagen. Quindi siccome il topo castrato ha un deficit di androgeni e quindi di dht, suppongo che nelle terapia non sia necessario un estrogeno ma sia suffieciente un anti-androgeno come il ciproterone acetato o la finasteride.

L'utilizzo degli antiestrogeni puri esclusivamente in lozione (per via sistemica hanno effetti dannosi sui capelli) e' un argomento interessante e viene confermato anche da altri studi come questo:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17222244

Per quanto riguarda i SERM (farmaci che in alcuni tessuti si comportano da agonisti ed in altri da antagonisti degli estrogeni), il tamoxifene, come si legge in questo articolo:

http://citeseerx.ist.psu.edu/viewdoc/download?doi=10.1.1.658.143&rep=rep1&type=pdf

preso per via sistemica provoca il blocco dell'anagen, aggiunto invece in una coltura cellulare insieme al 17beta estradiolo, comportandosi da antagonista, impedisce all'estrogeno di bloccare l'anagen.

Discorso diverso potrebbe essere per quegli estrogeni che agiscono solo sui recettori estrogenici di membrana, i cosiddetti "activators of nongenotropic estrogen-like signaling (ANGELS)” e non anche su quelli classici citoplasmatici (ERalfa ed ERbeta).



Vorrei a questo punto sollevare dei dubbi anche sugli antiandrogeni dopo averlo fatto sugli estrogeni. Le mie sono considerazioni, pensieri; non dico assolutamente che siano verita' assolute.

Nonostante gli uomini non calvi abbiano i nostri stessi livelli ematici di testosterone, i capelli a loro non cadono a noi invece si. Quindi la colpa non e' degli androgeni ma di come i nostri capelli rispondono agli androgeni.
Lo stesso ragionamento lo si fa a livello della prostata: negli uomini con ipb vi sono livelli ematici di testosterone uguali agli uomini senza ipb. Quindi la colpa non e' degli androgeni ma di come la prostata ad un certo punto cambia il proprio comportamento e a partire dalla stessa quantita' di testosterone produce piu' dht.
Ritornando a parlare dei capelli, si e' detto che c'e' un differente recettore per gli androgeni a livello fronto-parietale che e' piu' sensibile rispetto a quello presente a livello temporo-occipitale ecco perche' nell'AGA i capelli della fonte cadono e quelli dell'occipite no.
Ma questo non spiega secondo me perche' i capelli cadono. Lo spiega invece l'evidenza che nella calvizie c'e' una maggiore produzione di dht a partire dalla stessa quantita' di testosterone.
Quindi come nella prostata ad un certo punto si ha una maggiore produzione di dht rispetto a prima.
Perche' avviene questo?
Se si capisse si potrebbe agire non sugli androgeni ma sulle vere cause.
Secondo un teoria a causa dell'infiammazione le cellule del connettivo smettono di produrre gli hair growt factors e incominciano a produrre sostanze paracrine che agendo sui follicoli inducono un' aumentata espressione della 5 alfa reduttasi ed un aumento dei radicali liberi. Probabilmente l'infiammazione cronica agisce anche sulle cellule immunitarie che a loro volta produrrebbero citochine dannose.
Da tale ragionamento si capirebbe come mai gli anti-infiammatori come il cortisone, i rame-peptidi, gli acidi grassi essenziali, determinate prostaglandine ecc, diano un beneficio nella calvizie.

Allora il ragionamento potrebbe essere che neanche gli antiandrogeni siano necessari e che siano sufficienti delle sostanze lenitive.


Come mai nei calvi c'e' questa infiammazione e nei non calvi invece no? predisposizione genetica? l'inquinamento? fattori dietetici? sarebbe interessante capirlo per poter andare ancora piu' a ritroso.

Comunque penso che nell'immediato siano necessarie le terapie a base di estrogeni/progesterone/antiandrogeni per bloccare la caduta e riavviare la crescita. Dopodiche' a caduta bloccata e crescita ripartita si possa passare soltanto ai lenitivi e agli hair growth factors (come quelli venduti dalla crescina) che con l'invecchiamento tendono fisiologicamente a ridursi (questi sono solo miei pensieri, non un evidenza scientificamente provata).

Voi che ne pensate? sarebbe bello approfondire questi argomenti.

Marlin
Appassionato di cure alternative


Regione: Lombardia


31260 Messaggi

Inserito il - 06 agosto 2016 : 11:32:36 Invia a Marlin un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Mi rlileggeró i tutto con piú calma, ma forse non sai che su questo forum c'é chi ha provato l'estradiolo (beta) e ha avuto risultati eccezionali, oltre a sides altrettanto eccezionali, per cui ha dovuto smettere. In compenso chi non ha avuto risultati tanto significativi con antiandrogeni e alfa estradiolo non ha avuto nemmeno peggioramenti.

Ciao

MA - r l i n
NON SONO MEDICO, sono appunto "appassionato" degli argomenti del forum e partecipo alle discussioni come MODERATORE;
SONO UN AMMINISTRATORE del forum e chiedo il rispetto del suo regolamento;
SONO REDATTORE di calvizie.net e annessi (FB, Twitter...), se ci sono informazioni da pubblicare e/o tradurre segnalatemele;
PROPONGO E SEGUO lo sviluppo di prodotti specifici partendo dalle esigenze che emergono dal forum.
http://www.luoghidipensiero.it/apologetica-leo-moulin/
Fra la piazza e il fiume, di qua e di là, vi sono alberi di vita, che portano frutto dodici volte, una ogni mese, con foglie che hanno virtù medicinale per la guarigione delle genti. (Ap 22,2)
Torna all'inizio della Pagina

Guido Marino
Nuovo Membro


Regione: Campania
Città: Angri


36 Messaggi

Inserito il - 06 agosto 2016 : 11:48:51 Invia a Guido Marino un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Si infatti ho scritto in modo un po' troppo aggressivo nei confronti del 17 beta estradiolo. Mi scuso nei confronti del 17 beta.
Sicuramente inibisce prepotentemente la 5 alfa reduttasi ma al costo di bloccare l'anagen...
La finasteride topica inibisce l'enzima ma non blocca l'anagen...
Secondo me e' piu' una moda utilizzare gli estrogeni rispetto ad altre molecole.
Torna all'inizio della Pagina

Marlin
Appassionato di cure alternative


Regione: Lombardia


31260 Messaggi

Inserito il - 06 agosto 2016 : 16:40:18 Invia a Marlin un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Beh, magari per l'inibizione dell'anagen puoi fare un cerca sui post di Boybergamo...tutti vorremmo un'inibizione di questo tipo

Ciao

MA - r l i n
NON SONO MEDICO, sono appunto "appassionato" degli argomenti del forum e partecipo alle discussioni come MODERATORE;
SONO UN AMMINISTRATORE del forum e chiedo il rispetto del suo regolamento;
SONO REDATTORE di calvizie.net e annessi (FB, Twitter...), se ci sono informazioni da pubblicare e/o tradurre segnalatemele;
PROPONGO E SEGUO lo sviluppo di prodotti specifici partendo dalle esigenze che emergono dal forum.
http://www.luoghidipensiero.it/apologetica-leo-moulin/
Fra la piazza e il fiume, di qua e di là, vi sono alberi di vita, che portano frutto dodici volte, una ogni mese, con foglie che hanno virtù medicinale per la guarigione delle genti. (Ap 22,2)
Torna all'inizio della Pagina

Guido Marino
Nuovo Membro


Regione: Campania
Città: Angri


36 Messaggi

Inserito il - 11 agosto 2016 : 02:33:44 Invia a Guido Marino un Messaggio Privato Rispondi Quotando
boybergamo ha scritto un sacco di messaggi, non sn riuscito a trovare quelli inerenti alla sua esperienza con l'E2.

cmq, in questo studio:
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15591132

si afferma che il 17beta estradiolo induce il catagen tramite il recettore ERalfa e che il recettore ERbeta potrebbe invece contrastare l'effetto negativo di ERalfa. Si suggerisce quindi un possibile ruolo terapeutico nella calvizie degli antagonisti puri ERalfa e degli agonisti puri ERbeta.

Torna all'inizio della Pagina

Raiden
Mentor

Città: New York


2070 Messaggi

Inserito il - 11 agosto 2016 : 09:30:29 Rispondi Quotando
Credo che l'ell cranell alfa in pratica ottimizzi la fase catagen,e questo di per se é giá un aspetto rilevante,perché fa cadere meno capelli,e quindi fa avere piu capelli in testa.

Torna all'inizio della Pagina

Marlin
Appassionato di cure alternative


Regione: Lombardia


31260 Messaggi

Inserito il - 11 agosto 2016 : 11:30:39 Invia a Marlin un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Chiariamo subito che nei topi l'estradiolo fa proprio quello che si dice qui sopra, ma nell'uomo non è così (anche se sopra viene detto). L'estradiolo pare più efficace sul frontale maschile (parecchio efficace) è comunque efficace anche sulle donne altrimenti non esisterebbero i noti prodotti come il Chrinohermal Fem o la lozione con estradiolo del CTT che sono in giro da anni con grande soddisfazione delle utilizzatrici (e di alcuni utilizzatori, tra cui Claudio Claudio e, ai tempi, Officinalis).

Uno studio, magari sui topi, o qualche studio sulla melatonina (che potrebbe essere l'ennesimo attivo con curva a "U"), non è sufficiente a ribaltare un'evidenza pluridecennale di tipo clinico e tutti gli studi specifici sull'uomo.

Ciao

MA - r l i n
NON SONO MEDICO, sono appunto "appassionato" degli argomenti del forum e partecipo alle discussioni come MODERATORE;
SONO UN AMMINISTRATORE del forum e chiedo il rispetto del suo regolamento;
SONO REDATTORE di calvizie.net e annessi (FB, Twitter...), se ci sono informazioni da pubblicare e/o tradurre segnalatemele;
PROPONGO E SEGUO lo sviluppo di prodotti specifici partendo dalle esigenze che emergono dal forum.
http://www.luoghidipensiero.it/apologetica-leo-moulin/
Fra la piazza e il fiume, di qua e di là, vi sono alberi di vita, che portano frutto dodici volte, una ogni mese, con foglie che hanno virtù medicinale per la guarigione delle genti. (Ap 22,2)
Torna all'inizio della Pagina

solaris
Novizio


Regione: Emilia Romagna
Città: bologna


3 Messaggi

Inserito il - 28 settembre 2016 : 14:24:59 Invia a solaris un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Marlin ha scritto:

Chiariamo subito che nei topi l'estradiolo fa proprio quello che si dice qui sopra, ma nell'uomo non è così (anche se sopra viene detto). L'estradiolo pare più efficace sul frontale maschile (parecchio efficace) è comunque efficace anche sulle donne altrimenti non esisterebbero i noti prodotti come il Chrinohermal Fem o la lozione con estradiolo del CTT che sono in giro da anni con grande soddisfazione delle utilizzatrici (e di alcuni utilizzatori, tra cui Claudio Claudio e, ai tempi, Officinalis).

Uno studio, magari sui topi, o qualche studio sulla melatonina (che potrebbe essere l'ennesimo attivo con curva a "U"), non è sufficiente a ribaltare un'evidenza pluridecennale di tipo clinico e tutti gli studi specifici sull'uomo.

Ciao

MA - r l i n

Ciao Marlin sto seguendo sul forum la discussione sul beta estradiolo e ho letto che viene sconsigliato per gli uomini perchè provoca svariati effetti indesiderati, ma per quanto riguarda le donne? Io sto affrontando l'aga da circa 20 anni e ho seguito tutte le terapie classiche del caso (minox industriale e galenico, integratori etc) ma ultimamente mi sembra proprio di stare perdendo la guerra. Secondo te potrebbe essere una terapia fattibile? E nel caso ci sono dermatologi disposti a prescriverlo? Grazie
Stefi
Torna all'inizio della Pagina

Marlin
Appassionato di cure alternative


Regione: Lombardia


31260 Messaggi

Inserito il - 28 settembre 2016 : 18:59:36 Invia a Marlin un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Sì nelle donne viene prescritto se non ci sono problemi a prescrivere gli estrogeni, tuttavia deve fare i conti nella donna non in menopausa anche col ciclo, infatti spesso gli specialisti preferiscono prescrivere pillole tipo la Diane (o Jasmine) ossia preferiscono seguire un approccio sistemico che si rivela spesso più efficace.

Ciao

MA - r l i n
NON SONO MEDICO, sono appunto "appassionato" degli argomenti del forum e partecipo alle discussioni come MODERATORE;
SONO UN AMMINISTRATORE del forum e chiedo il rispetto del suo regolamento;
SONO REDATTORE di calvizie.net e annessi (FB, Twitter...), se ci sono informazioni da pubblicare e/o tradurre segnalatemele;
PROPONGO E SEGUO lo sviluppo di prodotti specifici partendo dalle esigenze che emergono dal forum.
http://www.luoghidipensiero.it/apologetica-leo-moulin/
Fra la piazza e il fiume, di qua e di là, vi sono alberi di vita, che portano frutto dodici volte, una ogni mese, con foglie che hanno virtù medicinale per la guarigione delle genti. (Ap 22,2)
Torna all'inizio della Pagina

maurizione
Membro Senior



854 Messaggi

Inserito il - 30 settembre 2016 : 09:43:31 Invia a maurizione un Messaggio Privato Rispondi Quotando


Il pelo del topo dovrebbe corrispondere, più o meno, al pelo dell'uomo e non al capello anche se ancora l'argomento non è stato chiarito del tutto.
Quindi sembrerebbe normale che il beta estradiolo inibisca la crescita del pelo dei ratti così come succede negli umani (i transgender acquistano capelli e perdono i peli).
Al di là di questo, ci sono evidenze cliniche talmente lampanti sull'effetto benefico degli estrogeni sui capelli di uomini e donne che non varrebbe la pena nemmeno discuterne. Ciclicamente però l'argomento rispunta fuori soprattutto da parte di chi intravede la possibilità di curare l'aga e al contempo di migliorare i muscoli, il viogore fisico ecc... Magari si potesse fare.

Sulla melatonina c'è da aggiungere che pare sia antiestrogenica nella stessa misura in cui è antinadrogena. Bisognerebbe sapere quale effetto prevalga sugli altri, ma credo che qui entri in gioco la soggettività visto che molti, me compreso, hanno sperimentato ginecomastia con l'uso massiccio di melatonina. In più ci sono da considerare gli effetti antiossidanti e sul sistema immunitario che potrebbero giocare un ruolo sui capelli annullando o rendendo trascurabile l'effetto antiestrogenico.
Torna all'inizio della Pagina

Marlin
Appassionato di cure alternative


Regione: Lombardia


31260 Messaggi

Inserito il - 30 settembre 2016 : 10:18:15 Invia a Marlin un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Sulla melatonina va presa in considerazione anche un'eventuale curva a "U" con differenze negli effetti dipendenti dai dosaggi e non solo dalle caratteristiche individuali.

Ciao

MA - r l i n
NON SONO MEDICO, sono appunto "appassionato" degli argomenti del forum e partecipo alle discussioni come MODERATORE;
SONO UN AMMINISTRATORE del forum e chiedo il rispetto del suo regolamento;
SONO REDATTORE di calvizie.net e annessi (FB, Twitter...), se ci sono informazioni da pubblicare e/o tradurre segnalatemele;
PROPONGO E SEGUO lo sviluppo di prodotti specifici partendo dalle esigenze che emergono dal forum.
http://www.luoghidipensiero.it/apologetica-leo-moulin/
Fra la piazza e il fiume, di qua e di là, vi sono alberi di vita, che portano frutto dodici volte, una ogni mese, con foglie che hanno virtù medicinale per la guarigione delle genti. (Ap 22,2)
Torna all'inizio della Pagina

solaris
Novizio


Regione: Emilia Romagna
Città: bologna


3 Messaggi

Inserito il - 30 settembre 2016 : 15:13:57 Invia a solaris un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Marlin ha scritto:

Sì nelle donne viene prescritto se non ci sono problemi a prescrivere gli estrogeni, tuttavia deve fare i conti nella donna non in menopausa anche col ciclo, infatti spesso gli specialisti preferiscono prescrivere pillole tipo la Diane (o Jasmine) ossia preferiscono seguire un approccio sistemico che si rivela spesso più efficace.

Ciao

MA - r l i n

Ciao da come ne parli sembra quasi che che sia più effice negli uomini (pur con la presenza di molti effetti collaterali) che nelle donne comunque ho intenzione di provare a farmelo prescrivere se non altro per dire di averle tentate tutte. Grazie per la risposta
Stefi
Torna all'inizio della Pagina
 
Vai a:
IESON.com / Calvizie.net   -   La Community anticalvizie.
Copyright 2001-2016 - tutti i diritti riservati - riproduzione anche parziale vietata