IESON - la community anticalvizie - Se vince Marine Le Pen torniamo alla Lira?
Nome Utente
Password
Salva Password Password dimenticata?
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Successiva

De Rossi
Mentor

y

Regione: Estero


4768 Messaggi


In rete e sui media l'argomento più diffuso dopo la Raggi e la scissione del Pd è l'uscita dall'euro (cioè il ritorno alla lira). Gli esperti dicono che in Italia per tornare alla lira andrebbe cambiata la Costituzione quindi indetto un referendum, insomma una cosa un po complessa.

Tuttavia in Francia ad Aprile si vota per le presidenziali e se vince Marine Le Pen (data per favorita dai sondaggi), questa ha detto che la prima cosa che farà sarà uscire dall'Unione Europea (quindi dall'euro). Ciò significa a dire che se vince Marine Le Pen l'Ue crolla come un castello di carte e tutti i fanatici della lira non avranno tanto da tribolare per tornare alla moneta sovrana.

http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2017-02-05/le-pen-me-francia-sara-fuori-dall-euro-e-nato-173518.shtml?uuid=AEDqxjO
Ad aprile mancano meno di 2 mesi. Secondo voi cosa accadrebbe in caso di un simile scenario? Fughe di capitali? Correntisti che correranno a prelevare i loro risparmi come accadde nella crisi argentina? Crollo delle borse? I più pessimisti avevano predetto scenari simili per la Brexit con la differenza che gli Uk sono stati il primo paese ad uscire e comunque avevano mantenuto la sterlina, nel caso della Francia la sua uscita significherebbe in tutto e per tutto la fine dell'Unione Europea.

A change is as good as a rest

C_0_
Membro Senior



839 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 08:58:43 Invia a C_0_ un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Non credo che si tornerà mai alla lira.
Torna all'inizio della Pagina

Marlin
Appassionato di cure alternative


Regione: Lombardia


32463 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 09:47:33 Invia a Marlin un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Alla cetra, più che alla lira, quella che suonava Nerone mentre Roma bruciava

Ciao

MA - r l i n
NON SONO MEDICO, sono appunto "appassionato" degli argomenti del forum e partecipo alle discussioni come MODERATORE;
SONO UN AMMINISTRATORE del forum e chiedo il rispetto del suo regolamento;
SONO REDATTORE di calvizie.net e annessi (FB, Twitter...), se ci sono informazioni da pubblicare e/o tradurre segnalatemele;
PROPONGO E SEGUO lo sviluppo di prodotti specifici partendo dalle esigenze che emergono dal forum.
http://www.luoghidipensiero.it/apologetica-leo-moulin/
Fra la piazza e il fiume, di qua e di là, vi sono alberi di vita, che portano frutto dodici volte, una ogni mese, con foglie che hanno virtù medicinale per la guarigione delle genti. (Ap 22,2)
Torna all'inizio della Pagina

ilkraken
Mentor

The Kraken



1566 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 11:11:03 Invia a ilkraken un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Ne abbiamo già discusso in una discussione sulla Brexit che ha preso una piega simile. Se vincerà e la francia uscirà, i vari leader hanno dichiarato più volte che l'Euro nn avrà più senso senza Francia. Se nn vincerà queste elezioni sicuramente vincerà le prossime, visto che nell'Euro non ci sono le condizioni per favorire la crescita e l'occupazione, e una popolazione a cui si nega il lavoro, non può che finire a votare da quella parte li (da noi sono M5S ma soprattutto lega Nord che hanno impostato una campagna molto più decisa sulla critica all Euro).
Coloro che paventano il disastro economico, sono gli stessi che lo facevano per la Brexit, e guardate come stanno gli inglesi ora.
Cosa accadrà? Ci sarà sicuramente turbolenza e probabilmente voleranno gli stracci in Europa tra i vari lleader Europei o meglio, tra i leader Europei e i tedeschi, che sono gli unici che hanno tratto vantaggio dall'Euro, in modo secondo me sleale (o meglio hanno fatto ciò che conveniva a loro, e gli altri no, ma forse siamo più fessi noi che furbi loro).
Si passerà a una moneta più debole, e quindi sicuramente ci sarà chi tenterà di portare gli euroni all' estero e forse verranno presi provvedimenti per limitare il prelievo dalle banche per un po.
Ci sarà volatilità in borsa, come c'è stata sempre in grandi stravolgimenti (vedi Brexit e vedi Trump) ma nessun crollo. Nessuna cetra e nessun Nerone. Il problemi cominceranno a trovarseli in casa i tedeschi, visto che tornando al marco la loro industria dovrà vendere i prodotti agli altri paesi a un prezzo superiore, e ne venderà meno (legge della domanda e dell.offerta).
Ma vi sembra normale che negli ultimi anni la germania ha fatto un surplus commerciale(differenza tra esportazioni e importazioni) più alto di quello della Cina?

Torna all'inizio della Pagina

Marlin
Appassionato di cure alternative


Regione: Lombardia


32463 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 11:25:57 Invia a Marlin un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Non mischiamo le carte, la Brexit (che non sta certo andando bene e peggiorerà ancora) non riguardava la sterlina o l'euro, e comunque scambiare la sterlina, moneta forte, con la lira è un errore da matita rossa.

Nell'euro semplicemente non si doveva entrare, uscire è letale, anche se farlo tutti assieme potrebbe esserlo un po' meno perché verrebbero forse distribuiti i contraccolpi su più nazioni.

Ciao

MA - r l i n
NON SONO MEDICO, sono appunto "appassionato" degli argomenti del forum e partecipo alle discussioni come MODERATORE;
SONO UN AMMINISTRATORE del forum e chiedo il rispetto del suo regolamento;
SONO REDATTORE di calvizie.net e annessi (FB, Twitter...), se ci sono informazioni da pubblicare e/o tradurre segnalatemele;
PROPONGO E SEGUO lo sviluppo di prodotti specifici partendo dalle esigenze che emergono dal forum.
http://www.luoghidipensiero.it/apologetica-leo-moulin/
Fra la piazza e il fiume, di qua e di là, vi sono alberi di vita, che portano frutto dodici volte, una ogni mese, con foglie che hanno virtù medicinale per la guarigione delle genti. (Ap 22,2)
Torna all'inizio della Pagina

artiglio5825
Mentor

pilu



3510 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 11:28:57 Invia a artiglio5825 un Messaggio Privato Rispondi Quotando
la soluzione vera è una unione come usa, in cui gli stati ricchi redistribuiscono a quelli poveri, oppure ci servirà una terza guerra mondiale per capire che i nazionalismi finiscono sempre in tragedia.
Torna all'inizio della Pagina

Marlin
Appassionato di cure alternative


Regione: Lombardia


32463 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 11:33:17 Invia a Marlin un Messaggio Privato Rispondi Quotando
...e i sovranismi finiscono con popoli impoveriti e comandati da chi è rimasto ricco e si compra tutto il Paese in moneta forte dall'estero.

Ciao

MA - r l i n
NON SONO MEDICO, sono appunto "appassionato" degli argomenti del forum e partecipo alle discussioni come MODERATORE;
SONO UN AMMINISTRATORE del forum e chiedo il rispetto del suo regolamento;
SONO REDATTORE di calvizie.net e annessi (FB, Twitter...), se ci sono informazioni da pubblicare e/o tradurre segnalatemele;
PROPONGO E SEGUO lo sviluppo di prodotti specifici partendo dalle esigenze che emergono dal forum.
http://www.luoghidipensiero.it/apologetica-leo-moulin/
Fra la piazza e il fiume, di qua e di là, vi sono alberi di vita, che portano frutto dodici volte, una ogni mese, con foglie che hanno virtù medicinale per la guarigione delle genti. (Ap 22,2)
Torna all'inizio della Pagina

Fenderman
Mentor



1025 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 12:07:24 Invia a Fenderman un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Marlin ha scritto:

Non mischiamo le carte, la Brexit (che non sta certo andando bene e peggiorerà ancora) non riguardava la sterlina o l'euro, e comunque scambiare la sterlina, moneta forte, con la lira è un errore da matita rossa.




Anche io pensavo che la Brexit non avrebbe portato benefici al Regno Unito, però la May durante l'ultimo discorso sul tema ha detto che la loro economia sta inaspettatamente andando meglio dal giorno del referendum .
Mi aspettavo che il parlamento alla fine non votasse per la Brexit, ma da quanto ha detto la May, il parlamento non si opporrà all'uscita.
Rimane solo Gina Miller a credere nella possibilità che il parlamento non voti a favore della Brexit, da quello che mi sembra di capire.
Ho letto pure che in qualche modo hanno già ottenuto ciò che qualcuno voleva, cioè il calo dell'immigrazione.

Personalmente non sono affatto contento della Brexit (come non vorrei mai che l'Italia abbandonasse l'UE ...verrebbe tutto nuovamente raddoppiato..), però se è vero che la loro economia sta migliorando, c'è quantomeno da riflettere.


Torna all'inizio della Pagina

ilkraken
Mentor

The Kraken



1566 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 13:07:44 Invia a ilkraken un Messaggio Privato Rispondi Quotando
artiglio5825 ha scritto:

la soluzione vera è una unione come usa, in cui gli stati ricchi redistribuiscono a quelli poveri


Potrei anche darti ragione, il problema è convincere i paesi ricchi (Germania in primis) a ridistribuire il loro surpuls. Se leggi i media tedeschi (io lo faccio) capirai che questa opzione non è minimamente presa in considerazione. Te lo immagini un leader tedesco vincere le elezioni dicendo le vostre tasse le useremo per aiutare gli italiani gli spagnoli e i greci? È vero proprio l'opposto. In Germania c'è una evidente retorica di matrice razzista verso i paesi come l'italia considerati fannulloni e buoni a nulla. Da qui il loro rifiuto agli eurobond e alla comunione dei debiti. I veri nazionalisti sono loro.

MArlin ha scritto:

...e i sovranismi finiscono con popoli impoveriti e comandati da chi è rimasto ricco e si compra tutto il Paese in moneta forte dall'estero


...che esattamente quello che sta succedendo nell attuale sistema, mai come in questa fase storica abbiamo ceduto aziende ad altri. Il disastro da cui metti in guardia è esattamente lo stesso che sta avvenendo ora.
La Brexit che sta andando male e sarà sempre peggio non la commento, invito tutti a informarsi per vedere come stanno andando le cose.

Torna all'inizio della Pagina

artiglio5825
Mentor

pilu



3510 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 13:31:46 Invia a artiglio5825 un Messaggio Privato Rispondi Quotando
ilkraken ha scritto:

artiglio5825 ha scritto:

la soluzione vera è una unione come usa, in cui gli stati ricchi redistribuiscono a quelli poveri


Potrei anche darti ragione, il problema è convincere i paesi ricchi (Germania in primis) a ridistribuire il loro surpuls. Se leggi i media tedeschi (io lo faccio) capirai che questa opzione non è minimamente presa in considerazione. Te lo immagini un leader tedesco vincere le elezioni dicendo le vostre tasse le useremo per aiutare gli italiani gli spagnoli e i greci? È vero proprio l'opposto. In Germania c'è una evidente retorica di matrice razzista verso i paesi come l'italia considerati fannulloni e buoni a nulla. Da qui il loro rifiuto agli eurobond e alla comunione dei debiti. I veri nazionalisti sono loro.



lo so bene purtroppo, l'uomo non impara mai nulla dalla storia, se non una esigua minoranza, proprio per questo temo il peggio.
Torna all'inizio della Pagina

mr. poseidon
Membro Attivo

ataru



462 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 14:13:22 Invia a mr. poseidon un Messaggio Privato Rispondi Quotando
i tedeschi devono essere sanzionati perché stanno ripetutamente violando i parametri da loro voluti e nessuno dice niente.

i tedeschi sono una popolazione maledetta (il passato non si cancella e il presente lo dimostra) e mettersi nelle loro mani dopo tutto quello che hanno fatto è stato un atto scellerato .
immagino le tangenti prese dai vari politici europei per entrare a quelle condizioni.

erano loro ad avere nelle loro banche i debiti dei vari stati, italia compresa , e se li sono fatti pagare dalla bce al momento delle difficoltà dei vari stati debitori. erano loro a rischiare più di tutti se italia e company avessero avuto un default. ora invece se ne sono liberati facendoli pagare agli italiani tramite le varie manovre, unico paese che si è assunto l'onore di ripagarli dietro al principio di essere un paese fondatore, meritevole ecc ecc , mentre gli altri se ne sono fregati e ci ha pensato la comunità intera .

la grecia si poteva salvare con una cifra molto bassa ma la germania disse no . cosi ando in default e ora la cifra è astronomica. evidente l'interesse che la grecia venisse sbranata dagli avvoltoi mondiali una volta in difficoltà e la germania ha fatto da traditore interno alla comunità bloccando i primi interventi di salvataggio. ora ci tocca pagare a tutti.

i tedeschi si sono arricchiti in meniera assurda anche perché gli italiani ricchi hanno portato la i soldi alle prime difficolta' interne . e anche questo era calcolato dalla gemania che ha incamerato nelle proprie banche i soldi di mezza europa ricca dopo essere stata proprio lei a piegare i vari stati.

bloccare la lira e le monete deboli con l'euro legandole al marco è stata la loro fortuna , dato che l'italia prevaleva sulla germania grazie alla lira debole e al marco forte.

gli italiani si sono impoveriti a dismisura , mentre i tedeschi che erano straccioni morti di fame e che quando venivano in italia a fare le vacanze sembravano straccioni , ora hanno raddoppiato gli stipendi.

lira e marco erano in rapporto uno a uno mentre con l'euro il rapporto è passato a uno a due dimezzando magicamente il valore della lira.

i tedeschi all'arrotondamento per centesimi tentato dai commercianti hanno fatto una mezza rivolta, gli italiani hanno accettato il raddoppio dei prezzi ad opera dei furbi.

per prodi gli stipendi italiani sarebbero raddoppiati e il tempo di lavoro dimezzato facendo l'euro. qui non servono commenti.

se l'italia non fosse entrata nell'euro sarebbe stata la catastrofe a detta di tutti i politicanti e i mass media (come si diceva per brexit e per trump) : tutto cio è accaduto grazie all'euro.
se l'italia esce sarà un disastro dicono ora: il disastro che descrivono c'è già .

il problema non è l'euro si è continuato a ripetere per metterlo bene nella testa del popolo. La verità è che una moneta unica è una follia tra paesi che si odiano, che non concordano su nulla, che non hanno un solo valore in comune . E' stato come mettere i propri risparmi nelle mani dei nazisti. Costoro si credono di avere più diritti, se in passato se li sono presi con la forza, ora lo fanno con le leggi. Stessa cosa in italia se in passato c'erano i dittatori da Berlusconi in poi c'è il dominio dei mass media e delle leggi fatte per i loro scopi . chi governa è veramente padrone delle vite della gente.
Torna all'inizio della Pagina

ilkraken
Mentor

The Kraken



1566 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 14:34:09 Invia a ilkraken un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Un filo drastico ma condivido. Mi fa piacere che ci sia sempre più gente che la pensi in questo modo, anni fa ricordo che se provavi a dire qualcosa contro l euro venivi preso per matto. Ora la gente comincia a capire. Il vero disastro che ci sarà dopo la fine dell euro sarà in Germania, gli altri hanno solo da guadagnarci.
Personalmente non mi identifico nei movimenti come il Front National in Francia o la Lega in Italia, ma ben vengano i cosiddetti "populismi" se si battono contro questo sistema di regole. E sono gli unici (purtroppo) a farlo.
Torna all'inizio della Pagina

joe2
Membro Junior


Regione: Emilia Romagna
Città: bologna


68 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 18:54:18 Invia a joe2 un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Consiglio di leggere questo articolo, che potrà sfatare parecchi (falsi) miti e luoghi comuni
http://www.ilsole24ore.com/art/mondo/2017-02-27/cinque-luoghi-comuni-no-euro-sfatare-112318.shtml?uuid=AEwoNIe

Quanto alla Brexit, segnalo che al momento la Gb è a pieno titolo nella UE e la sua condizione economica rispecchia questo status. A marzo, forse, inizieranno le trattative per l'uscita, che dureranno all'incirca 2 anni. Dunque i primi effetti della Brexit li si potranno vedere nei dati che verranno pubblicati fra 3 anni (un anno dopo l'uscita reale).

...l'eventuale vittoria della Le Pen sarebbe semplicemente un disastro
Torna all'inizio della Pagina

Raviolo
Membro Senior

Grr



643 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 20:53:17 Invia a Raviolo un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Peggio di così come potrebbe finire? Siamo ridotti ormai a sopravvivere...
Torna all'inizio della Pagina

Marlin
Appassionato di cure alternative


Regione: Lombardia


32463 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 23:12:52 Invia a Marlin un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Il nostro debito pubblico è enorme e non per colpa della EU, ma per colpa nostra, a garanzia c'è giusto un altissimo patrimonio privato e per questo si chiedono anche delle patrimoniali per consolidare la situazione, le patrimoniali non ci piacciono, ma passare alla lira sarebbe appunto una mega patrimoniale che è quello che i "cattivi" tedeschi vorrebbero. In pratica i sovranisti sono i migliori amici dei tedeschi, ma secondo me sono anche peggio di così, ossia portano gli interessi di chi ha capitali all'estero che con la megasvalutazione si sopravvalutano e possono fare acquisti a prezzi di accatto in un Paese ormai ridotto davvero alla fame. Chi non si rende conto di questo, se non ha capitali all'estero, è il classico "utile idiota".

Ciao

MA - r l i n
NON SONO MEDICO, sono appunto "appassionato" degli argomenti del forum e partecipo alle discussioni come MODERATORE;
SONO UN AMMINISTRATORE del forum e chiedo il rispetto del suo regolamento;
SONO REDATTORE di calvizie.net e annessi (FB, Twitter...), se ci sono informazioni da pubblicare e/o tradurre segnalatemele;
PROPONGO E SEGUO lo sviluppo di prodotti specifici partendo dalle esigenze che emergono dal forum.
http://www.luoghidipensiero.it/apologetica-leo-moulin/
Fra la piazza e il fiume, di qua e di là, vi sono alberi di vita, che portano frutto dodici volte, una ogni mese, con foglie che hanno virtù medicinale per la guarigione delle genti. (Ap 22,2)
Torna all'inizio della Pagina

Settimo
Membro Attivo



180 Messaggi

Inserito il - 28 febbraio 2017 : 23:40:27 Invia a Settimo un Messaggio Privato Rispondi Quotando
artiglio5825 ha scritto:

la soluzione vera è una unione come usa, in cui gli stati ricchi redistribuiscono a quelli poveri, oppure ci servirà una terza guerra mondiale per capire che i nazionalismi finiscono sempre in tragedia.

Perfettamente d'accordo sulla prima parte, bisogna aumentare l'unione, non serve farsi dare più soldi ma semplicemente togliere i titoli di stato e sostituirli con l'eurobound, avremmo spread 0 con grandi risparmi. Anche il debito pubblico di tutti gli stati membri potrebbe (ben più difficile) essere messo in un solo mucchio con evidenti vantaggi per i paesi oggi più in difficoltà ma indispensabili per il resto dell'unione.

Il fatto che i nazionalismi finiscono sempre in tragedia è una balla raccontata nelle scuole.. Il popolo più nazionalista che ci sia è quello americano (inno nazionale la mattina, bandiere ovunque quasi fosse un perenne mondiale di calcio ect ect) e non mi pare che li abbia danneggiati più di tanto. Il nazionalismo cattivo è quello degli altri i quali se avessero vinto avrebbero indicato in cattivo il primo.
Churchill, un militare non eletto dal popolo, dichiarò guerra ad hitler 3 mesi dopo che questi nazionalizzò la banca centrale dopo aver già iniziato da tempo ad acquistare materie prime dall'estero barattando con future forniture industriali made in germania (nel 1938 tonnellate di petrolio dal messico in cambio di automobili) così nessuna commissione ai banchieri, nessun indebitamento in moneta estera.
Torna all'inizio della Pagina

De Rossi
Mentor

y


Regione: Estero


4768 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 00:16:02 Invia a De Rossi un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Marlin ha scritto:

Alla cetra, più che alla lira, quella che suonava Nerone mentre Roma bruciava



A change is as good as a rest
Torna all'inizio della Pagina

De Rossi
Mentor

y


Regione: Estero


4768 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 00:21:26 Invia a De Rossi un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Marlin ha scritto:

Il nostro debito pubblico è enorme e non per colpa della EU, ma per colpa nostra

Questo è verissimo ma è anche vero che dovendo rispettare il pareggio di bilancio imposto da Bruxelles non possiamo sforare per fare operazioni costruttive ergo non riusciamo a crescere e abbiamo il cappio al collo della Bce. Loro ci aiutano ma ci chiedono gli interessi e se non riusciamo a pagarli scatta il commissariamento, ergo la Troika (ciò che è accaduto in Grecia). Francamente dopo anni di euro e di leggi comunitarie assurde e con lo specchio della Troika preferisco il rischio di ritornare alla moneta sovrana. Lo ammetto ero contrario ma oggi riflettendoci su sono felice se Marine Le Pen vince e fa crollare l'Unione Europea.
A change is as good as a rest
Torna all'inizio della Pagina

De Rossi
Mentor

y


Regione: Estero


4768 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 00:23:20 Invia a De Rossi un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Dunque i primi effetti della Brexit li si potranno vedere nei dati che verranno pubblicati fra 3 anni (un anno dopo l'uscita reale).


Anche prima......
LA BREXIT COSTERA’ CARA ALLA UE: BUCO DI 9 MILIARDI L’ANNO DA RIEMPIRE…

http://www.stopeuro.org/la-brexit-costera-cara-alla-ue-buco-di-9-miliardi-lanno-da-riempire/
A change is as good as a rest
Torna all'inizio della Pagina

De Rossi
Mentor

y


Regione: Estero


4768 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 00:32:16 Invia a De Rossi un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Borghi: le 7 balle sull'uscita dall'euro (per la cronaca Claudio Borghi è un economista)

https://www.youtube.com/watch?v=uWibZ5veiaU

Vittorio Sgarbi contro Euro (da vedere spettacolo!)

https://www.youtube.com/watch?v=j3seQGOPCWU
A change is as good as a rest
Torna all'inizio della Pagina

artiglio5825
Mentor

pilu



3510 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 07:17:49 Invia a artiglio5825 un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Settimo ha scritto:

artiglio5825 ha scritto:

la soluzione vera è una unione come usa, in cui gli stati ricchi redistribuiscono a quelli poveri, oppure ci servirà una terza guerra mondiale per capire che i nazionalismi finiscono sempre in tragedia.

Perfettamente d'accordo sulla prima parte, bisogna aumentare l'unione, non serve farsi dare più soldi ma semplicemente togliere i titoli di stato e sostituirli con l'eurobound, avremmo spread 0 con grandi risparmi. Anche il debito pubblico di tutti gli stati membri potrebbe (ben più difficile) essere messo in un solo mucchio con evidenti vantaggi per i paesi oggi più in difficoltà ma indispensabili per il resto dell'unione.

Il fatto che i nazionalismi finiscono sempre in tragedia è una balla raccontata nelle scuole.. Il popolo più nazionalista che ci sia è quello americano (inno nazionale la mattina, bandiere ovunque quasi fosse un perenne mondiale di calcio ect ect) e non mi pare che li abbia danneggiati più di tanto. Il nazionalismo cattivo è quello degli altri i quali se avessero vinto avrebbero indicato in cattivo il primo.
Churchill, un militare non eletto dal popolo, dichiarò guerra ad hitler 3 mesi dopo che questi nazionalizzò la banca centrale dopo aver già iniziato da tempo ad acquistare materie prime dall'estero barattando con future forniture industriali made in germania (nel 1938 tonnellate di petrolio dal messico in cambio di automobili) così nessuna commissione ai banchieri, nessun indebitamento in moneta estera.


dopo una guerra di secessione hanno ben pensato che era meglio stare uniti, in europa chissa quando lo capiremo...
Torna all'inizio della Pagina

ilkraken
Mentor

The Kraken



1566 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 11:04:18 Invia a ilkraken un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Settimo ha scritto:

artiglio5825 ha scritto:

la soluzione vera è una unione come usa, in cui gli stati ricchi redistribuiscono a quelli poveri, oppure ci servirà una terza guerra mondiale per capire che i nazionalismi finiscono sempre in tragedia.

Perfettamente d'accordo sulla prima parte, bisogna aumentare l'unione, non serve farsi dare più soldi ma semplicemente togliere i titoli di stato e sostituirli con l'eurobound, avremmo spread 0 con grandi risparmi. Anche il debito pubblico di tutti gli stati membri potrebbe (ben più difficile) essere messo in un solo mucchio con evidenti vantaggi per i paesi oggi più in difficoltà ma indispensabili per il resto dell'unione.


Lo ripeto questa argomentazione della comunione dei debiti e Eurobond è bellissima ma NON È ATTUABILE POLITICAMENTE!!! I tedeschi non vogliono!! Invito a leggersi i loro media.
Gli Usa funzionano perché c'è comunione di debiti e trasferimento di risorse tra stati ricchi e poveri.
In Europa gli stati forti nn divideranno mai il loro surplus con i più deboli. È una questione culturale. Gli Usa sono un popolo formato da ex europei arrivati su un continente e dopo aver sterminio gli indigeni hanno formato un popolo più o meno omogeneo come lingua e cultura. l'Unione Europea è un unione di minoranze che si è fatta la guerra non molto tempo fa. Chi propina la comunione dei debiti è un sognatore idealista che non conosce la storia. È la spiegazione che gli economisti di un certo livello danno (non i vari giannino quindi): "è un esperimento pericoloso fare l'unione monetaria prima dell'unione politica".

A MArlin che sostiene che i sovranisti sono utili idioti e che fanno il gioco dei tedeschi rispondo:
È assolutamente falso, basta considerare il fatto che la Germania è il più grande creditore d'Europa. Farsi ridare i prestiti in moneta svalutata sarebbe una perdita per loro. È questo che temono. È il QE di draghi nn è altro che il tentativo di tenere l'Euro in piedi. È una semplice questione di interessi.

Comunque invito tutti a pensare non a quello che vorremmo che succedesse, ma a quello che succederà. Guardate le elezioni in olanda tra poco. In Francia tra un mese. Anche se nn vinceranno è innegabile che chi vuole abbandonare l euro stia aumentando i consensi. Se nn vincerà queste elezioni vincerà le prossime. È una questione di tempo.
Per ribaltare questo trend occorre che le politiche europee rilancino lavoro e occupazione e questo è possibile se e solo se i tedeschi decidono di dividersi la loro ricchezza (accumulata grazie all Euro) con gli altri paesi. Vi ho già detto che questo è impossibile per cultura. A voi le conclusioni.
Torna all'inizio della Pagina

artiglio5825
Mentor

pilu



3510 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 11:14:48 Invia a artiglio5825 un Messaggio Privato Rispondi Quotando
infatti dubito che gli europei capiranno qualcosa anche fra altre 2-3 guerre mondiali, comunque non è detto, nonostante tutto ogni tanto qualcosa cambia, però è sicuramente difficile.
Torna all'inizio della Pagina

joe2
Membro Junior


Regione: Emilia Romagna
Città: bologna


68 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 18:44:21 Invia a joe2 un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Settimo ha scritto:
Il fatto che i nazionalismi finiscono sempre in tragedia è una balla raccontata nelle scuole.. Il popolo più nazionalista che ci sia è quello americano (inno nazionale la mattina, bandiere ovunque quasi fosse un perenne mondiale di calcio ect ect) e non mi pare che li abbia danneggiati più di tanto.

Confondi il nazionalismo col patriottismo. la differenza è sostanziale e qualunque dizionario on line può testimoniarlo.
------------------------------

@ De Rossi
Il "costerà cara" è comunque una declinazione al futuro, non al presente.
Nella sostanza, la GB (che con la probabile uscita della Scozia e forse Irlanda del Nord diventerà piccola bretagna) perde l'accesso diretto a un mercato di circa 500 milioni di consumatori; la UE perde quello di un mercato di 60 milioni.
La sproporzione d'impatto mi pare evidente. Un po' coma la crescina e la propecia: l'uso di entrambi denota un problema di fondo, ma l'impatto è decisamente diverso. Anche se poi, andando a cercare, un pellegrino tipo Borghi che ti sostiene la maggior efficacia della crescina si trova. Tutto si trova, volendo.
Quanto alle spese previste, poi, suggerisco di leggere e tener conto di questo:

http://www.huffingtonpost.it/2016/11/15/brexit-costo-uscita_n_12984572.html

...notare la fonte
Torna all'inizio della Pagina

ilkraken
Mentor

The Kraken



1566 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 19:08:02 Invia a ilkraken un Messaggio Privato Rispondi Quotando
joe2 ha scritto:


Il "costerà cara" è comunque una declinazione al futuro, non al presente.
Nella sostanza, la GB (che con la probabile uscita della Scozia e forse Irlanda del Nord diventerà piccola bretagna) perde l'accesso diretto a un mercato di circa 500 milioni di consumatori; la UE perde quello di un mercato di 60 milioni.
La sproporzione d'impatto mi pare evidente. Un po' coma la crescina e la propecia: l'uso di entrambi denota un problema di fondo, ma l'impatto è decisamente diverso. Anche se poi, andando a cercare, un pellegrino tipo Borghi che ti sostiene la maggior efficacia della crescina si trova. Tutto si trova, volendo.
Quanto alle spese previste, poi, suggerisco di leggere e tener conto di questo:

http://www.huffingtonpost.it/2016/11/15/brexit-costo-uscita_n_12984572.html

...notare la fonte


Purtroppo il pellegrino Borghi è in compagnia di qualche economista premio Nobel, ma te sei uno di quelli che se uno della lega ti dice che piove tu esci senza ombrello anche se diluvia.
Che la Brexit porti a un isolamento commerciale della GB è una colossale panzana, visto che non conviene a nessuno fargli la guerra, soprattutto alla Germania che gli vende Volkswagen.
La storia dei 60 miliardi, della scozia e della irlanda del nord che se ne andrebbero dall GB è assolutamente fantascienza visto che ora l'economia inglese sta tirando come mai negli ultimi anni.
Torna all'inizio della Pagina

joe2
Membro Junior


Regione: Emilia Romagna
Città: bologna


68 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 19:50:14 Invia a joe2 un Messaggio Privato Rispondi Quotando
ilkraken ha scritto:

Purtroppo il pellegrino Borghi è in compagnia di qualche economista premio Nobel, ma te sei uno di quelli che se uno della lega ti dice che piove tu esci senza ombrello anche se diluvia.
Che la Brexit porti a un isolamento commerciale della GB è una colossale panzana, visto che non conviene a nessuno fargli la guerra, soprattutto alla Germania che gli vende Volkswagen.
La storia dei 60 miliardi, della scozia e della irlanda del nord che se ne andrebbero dall GB è assolutamente fantascienza visto che ora l'economia inglese sta tirando come mai negli ultimi anni.

L'economia inglese sta tirando, ora (!), come mai negli ultimi anni perché sono ancora a tutti gli effetti nella UE. Il che smentisce de facto chi sostiene che convenga uscire.
Quanto ai nobel anti-euro, sono le solite bufale a cui si attaccano i "pellegrini della politica", padagni o meno che siano. Qui il riscontro:

http://ceifan.org/nobel_euro.htm
Torna all'inizio della Pagina

ilkraken
Mentor

The Kraken



1566 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 20:22:55 Invia a ilkraken un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Articolo ridicolo. Punta a catalogare come bufala il pensiero di vari premi nobel sostenendo che nn hanno espressamente detto "dall'euro bisogna uscire subito" ma hanno detto SOLO "l euro è la più grande stupidaggine economica mai fatta". Allora se è per questo non hanno nemmeno detto che nell euro si deve rimanere. La loro posizione è chiara. Dalle euro sarebbe meglio uscire "dall alto" ovvero prima la germania e poi via via tutti gli altri. È ovvio che se questo nn succede tanto vale uscire in modo disordinato piuttosto che rimanerci.
Ti invito a prendere i nomi di tutti quei premi nobel e cerca le loro più recenti dichiarazioni. Comincia da Hart quello che lo ha vinto nel 2016.
Poi fai un'altra cosa prendi tutti gli stati Europei e mettili in fila per crescita di Pil. Scoprirai che, a parte la Germania, quelli con l euro sono ultimi.
Fai la stessa cosa per tasso di disoccupazione, totale e giovanile e scoprirai la stessa cosa.
Quando hai finito se torni e sostieni ancora l'Euro giuro che t do ragione.
Torna all'inizio della Pagina

Settimo
Membro Attivo



180 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 21:38:07 Invia a Settimo un Messaggio Privato Rispondi Quotando
joe2 ha scritto:

Settimo ha scritto:
Il fatto che i nazionalismi finiscono sempre in tragedia è una balla raccontata nelle scuole.. Il popolo più nazionalista che ci sia è quello americano (inno nazionale la mattina, bandiere ovunque quasi fosse un perenne mondiale di calcio ect ect) e non mi pare che li abbia danneggiati più di tanto.

Confondi il nazionalismo col patriottismo. la differenza è sostanziale e qualunque dizionario on line può testimoniarlo.



non mi confondo affatto, obbligare bambini a cantare l'inno ogni mattina è proprio di uno stato nazionalista, poi ostentare bandiere in ogni dove è anche pratriottismo ed è ovvio che le due cose si sovrappongono.. Altrimenti dimmi in cosa si differenziava il nazionalismo dell'italia fascista dal te definito patriottismo dell'america d'oggi (non c'entra trump). Per me non c'è nessuna differenza quindi dire che i nazionalismi finiscono sempre male è una sciocchezza
Torna all'inizio della Pagina

Marlin
Appassionato di cure alternative


Regione: Lombardia


32463 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 21:55:32 Invia a Marlin un Messaggio Privato Rispondi Quotando
So per certo che uno dei maggiori propugnatori del ritorno alla lira lo fa solo a scopo elettorale (in privato dice "non sono mica pazzo..."), comunque se dovesse poi mantenere le promesse per non perdere la faccia, sarebbe meglio che si preparasse una seconda vita all'estero (se non l'ha già fatto perché come detto il "cambio" conviene giusto a chi ha capitali all'estero) perché il "popolo" ingannato lo verrebbe a prendere coi forconi appena realizza in che guai è stato indotto a cacciarsi e non ci vorrebbe molto tempo per capirlo....

Ciao

MA - r l i n
NON SONO MEDICO, sono appunto "appassionato" degli argomenti del forum e partecipo alle discussioni come MODERATORE;
SONO UN AMMINISTRATORE del forum e chiedo il rispetto del suo regolamento;
SONO REDATTORE di calvizie.net e annessi (FB, Twitter...), se ci sono informazioni da pubblicare e/o tradurre segnalatemele;
PROPONGO E SEGUO lo sviluppo di prodotti specifici partendo dalle esigenze che emergono dal forum.
http://www.luoghidipensiero.it/apologetica-leo-moulin/
Fra la piazza e il fiume, di qua e di là, vi sono alberi di vita, che portano frutto dodici volte, una ogni mese, con foglie che hanno virtù medicinale per la guarigione delle genti. (Ap 22,2)
Torna all'inizio della Pagina

ilkraken
Mentor

The Kraken



1566 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 22:19:20 Invia a ilkraken un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Proprio della serie "m'ha detto miocugggino...."

Comunque l'Italia è influente su questo, faranno tutto gli altri a cominciare dalla Francia, e perciò ci sarà ben poca gente da andare a prendere con i forconi.
Piuttosto mi preoccuperei più se fossi tra i vari Ciampi e Prodi che ci hanno promesso il famoso "lavoreremo un giorno in meno e verremo pagati un giorno in più".
Torna all'inizio della Pagina

Marlin
Appassionato di cure alternative


Regione: Lombardia


32463 Messaggi

Inserito il - 01 marzo 2017 : 22:42:23 Invia a Marlin un Messaggio Privato Rispondi Quotando
No, era mio zio che lo conosce molto bene perché lo trova da anni nello stesso albergo. Mio zio è imprenditore quindi era un po' preoccupato di questa cosa ed è stato rassicurato (ah dimenticavo, è ricco sfondato, ma non ha capitali all'estero...).

Ciao

MA - r l i n
NON SONO MEDICO, sono appunto "appassionato" degli argomenti del forum e partecipo alle discussioni come MODERATORE;
SONO UN AMMINISTRATORE del forum e chiedo il rispetto del suo regolamento;
SONO REDATTORE di calvizie.net e annessi (FB, Twitter...), se ci sono informazioni da pubblicare e/o tradurre segnalatemele;
PROPONGO E SEGUO lo sviluppo di prodotti specifici partendo dalle esigenze che emergono dal forum.
http://www.luoghidipensiero.it/apologetica-leo-moulin/
Fra la piazza e il fiume, di qua e di là, vi sono alberi di vita, che portano frutto dodici volte, una ogni mese, con foglie che hanno virtù medicinale per la guarigione delle genti. (Ap 22,2)
Torna all'inizio della Pagina

De Rossi
Mentor

y


Regione: Estero


4768 Messaggi

Inserito il - 02 marzo 2017 : 00:20:21 Invia a De Rossi un Messaggio Privato Rispondi Quotando
@Joe2, pur rispettando le tue opinioni in fatto di euro il punto è un altro, ci troviamo oramai a un bivio: 1) Vince Marine Le Pen e l'Europa viene meno con l'uscita della Francia, 2) Marine Le Pen perde e l'Europa resta e in tal caso dovremo fare i conti con la Troika perché l'Italia è l'anello debole della catena, prima lo era la Grecia (fatta fuori dalla Troika), i prossimi siamo noi. La Germania vuole come ha del resto detto la Merkel, un euro a due velocità ergo un Europa ricca (la loro) e un'Europa "mediterranea" fatta dai paesi più poveri (Grecia, Italia, Spagna etc.), tutti paesi tenuti per le palle e sempre più poveri, ergo un bacino di mano d'opera a basso costo nonché un enorme campo profughi.

L'ho fatta un po drammatica? Dimmi se ci sono altri scenari. Qui non si parla di cambiare la ns Costituzione e indire un referendum per uscire dall'euro, qui si parla di scegliere fra la padella e la brace!

http://www.ilgiornale.it/news/politica/ecco-piano-merkel-portarci-fallimento-1211522.html
Fortunatamente se vincerà Le Pen (e i sondaggi la danno fortemente favorita), ognuno per se e addio euro, pareggio di bilancio, Troika, olio tunisino e tutte le altre baggianate cui siamo sottoposti o qualcuno crede ancora alla favola dell'Italia che riparte? Pensate davvero che con l'Europa e le sue regole l'Italia sarà in grado di superare lo "zerovirgola" di Pil e aumentare l'occupazione con gli immigrati che pagano le pensioni agli italiani ora che di lavoro non cen'è più nemmeno per loro?
A change is as good as a rest
Torna all'inizio della Pagina

ilkraken
Mentor

The Kraken



1566 Messaggi

Inserito il - 02 marzo 2017 : 01:30:34 Invia a ilkraken un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Qualche correzione. L'Euro a 2 velocità lo ha detto la Merkel ma si è rimangiata subito la parola.
Alla Germania conviene a tutti i costi rimanere nell euro (a 1 velocità) perché le loro banche (che sono in crisi come le nostre e già state salvate con soldi pubblici) hanno contratto prestiti a tutta Europa.
Rivogliono i soldi indietro e li vogliono in Euro, perché in lire dracme ecc varrebbero meno.
A noi invece conviene pagare in moneta svalutata.
È la lotta più antica del mondo tra creditore e debitore.
La crescita può avvenire solo con investimenti (soldi) e questi si possono fare in pochi modi:
-andando in deficit e spendendo soldi pubblici. Per ogni euro di spesa pubblica si stima che il moltiplicatore keynesiano sia compreso tra 1,5 e 2,5. Significa semplificando al max che per ogni euro speso il pil sale di 1,5 o 2,5 euro. Con il fiscal compact nn si può andare in deficit di più del 3?(caso unico al MONDO).
America Giappone e resto del mondo hanno tutti più o meno usato questa strategia per uscire dalla crisi, che è quella raccomandata dalla teoria economica.
-che la Germania spenda il suo ENORME surplus commerciale per sostenere la crescita di mezza europa. Gli illusi che credono che uscire è peggio sperano in questo, ma lo sperano perché non hanno mai ascoltato un politico tedesco parlare, o l'opinione pubblica, influenzata dalla retorica dei loro media portatrici del messaggio schifosamente razzista del "italiani, greci, spagnoli fannulloni buoni a nulla".
Peccato che non volendosi privare del loro surplus impoveriscono il resto d Europa portando prima o poi i movimenti euroscettici al potere (è una mera questione di tempo. Inoltre impoverendo il resto d europa hanno il piccolo problema che nessuno riesce più a comprare i prodotto della loro industria.
-investimenti diretti esteri: si cerca di abbassare il costo del lavoro precarizzando e abbassando i salari, (la cosiddetta svalutazione interna) in modo da rendere conveniente per un grosso imprenditore estero venire ad investire in Italia. È il giochino tentato da Renzi con il Jobs Act, e con la fallita riforma costituzionale che centralizzava gli enti locali, semplificando la vita alla grande impresa con progetti di scala nazionale che invece di parlare con le varie regioni chiama un solo numero centrale.
Torna all'inizio della Pagina

Marlin
Appassionato di cure alternative


Regione: Lombardia


32463 Messaggi

Inserito il - 02 marzo 2017 : 09:44:12 Invia a Marlin un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Tutti sappiamo che prima o poi dobbiamo morire, le cose di questo mondo nascono e muoiono quindi anche l'euro prima o poi se ne andrà, però come per la morte o una catastrofe inevitabile, meglio poi...e chi tifa per la nostra morte non è proprio un simpaticone

Ciao

MA - r l i n
NON SONO MEDICO, sono appunto "appassionato" degli argomenti del forum e partecipo alle discussioni come MODERATORE;
SONO UN AMMINISTRATORE del forum e chiedo il rispetto del suo regolamento;
SONO REDATTORE di calvizie.net e annessi (FB, Twitter...), se ci sono informazioni da pubblicare e/o tradurre segnalatemele;
PROPONGO E SEGUO lo sviluppo di prodotti specifici partendo dalle esigenze che emergono dal forum.
http://www.luoghidipensiero.it/apologetica-leo-moulin/
Fra la piazza e il fiume, di qua e di là, vi sono alberi di vita, che portano frutto dodici volte, una ogni mese, con foglie che hanno virtù medicinale per la guarigione delle genti. (Ap 22,2)
Torna all'inizio della Pagina

De Rossi
Mentor

y


Regione: Estero


4768 Messaggi

Inserito il - 02 marzo 2017 : 13:36:10 Invia a De Rossi un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Oltretutto ad oggi qualcuno si sente di dire quali sono stati i veri vantaggi dell'Euro? Come economia reale di cosa abbiamo beneficiato? Io me li ricordo gli anni della Lira: bassa disoccupazione, le aziende esportavano, non esistevano schifezze tipo voucher, contratti a progetto, co.co.co. il Pil cresceva altro che "zerovirgola". dovremmo essere ben contenti di andarcene a gambe levate da questa follia chiamata Euro, non abbiamo più niente da perdere: o sovranità monetaria oppure Troika e non so se vi rendete conto di cosa comporta.

A change is as good as a rest
Torna all'inizio della Pagina

ilkraken
Mentor

The Kraken



1566 Messaggi

Inserito il - 02 marzo 2017 : 15:05:21 Invia a ilkraken un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Beh con la lira nn era il paradiso e anche li cerano dei problemi, quesro va detto. Però con l'Euro abbiamo barattato quei problemi con altri ben peggiori. E anche nel 92 c'è stata una crisi, quella petrolifera, ma grazie alla politica monetaria che siamo stati in grado di fare siamo riusciti a ripartire. Svalutando, cosa che con l'Euro è bloccata.
Torna all'inizio della Pagina

joe2
Membro Junior


Regione: Emilia Romagna
Città: bologna


68 Messaggi

Inserito il - 02 marzo 2017 : 18:48:25 Invia a joe2 un Messaggio Privato Rispondi Quotando
De Rossi ha scritto:

@Joe2, pur rispettando le tue opinioni in fatto di euro il punto è un altro, ci troviamo oramai a un bivio: 1) Vince Marine Le Pen e l'Europa viene meno con l'uscita della Francia,

- L'ho fatta un po drammatica? Dimmi se ci sono altri scenari.

- Oltretutto ad oggi qualcuno si sente di dire quali sono stati i veri vantaggi dell'Euro? Come economia reale di cosa abbiamo beneficiato?

-Io me li ricordo gli anni della Lira:


I veri vantaggi dell'euro - che è soltanto un tassello del più grande progetto di Unione Europea e ogni tanto fa bene ricordarlo – sono in piccola parte già riassunti nell'articolo del Sole24ore di cui al link che ho pubblicato. Tra tutti, basta ricordarne uno: i bassi, bassissimi tassi d'interesse pagati in questi anni sui nostri titoli. E per un Paese col nostro debito pubblico già solo questo dovrebbe chiudere le discussioni.

Voucher e precarizzazione non sono figli dell'euro o della UE bensì dei tempi moderni, della cosiddetta globalizzazione e comunque delle naturali evoluzioni sociali e dei mercati. Se prima, in un mondo di 3 – 4 miliardi, a spartirci la torta eravamo gli 8-900 milioni del mondo occidentale e lasciavamo gli altri a morire di fame, adesso siamo arrivati a più di 7 miliardi e tutti vogliono partecipare al banchetto. Cosa peraltro giusta, sacrosanta e che rientra perfettamente nel predicato dei nostri populisti quando dicono che “Bisogna aiutarli a casa loro”. Ecco, l'olio tunisino venduto da noi è appunto un “aiutarli lì in Tunisia”.

Gli anni della lira io non solo li ricordo ma li ho vissuti. E i problemi dell'Italia si sono formati proprio in quel periodo. Invece di investire nella produzione e innovare, la nostra industria ricorreva alla svalutazione competitiva e la politica invece di riformare attingeva a man bassa nella casse dello Stato, creando un infernale debito pubblico da un lato e strozzando con una tassazione vieppiù insostenibile tutta la popolazione. Il risultato è che siamo rimasti indietro, ormai non più competitivi sia come sistema Paese sia come apparato produttivo. I nostri problemi nascono tutti da lì e il capro espiatorio dell'euro in cui i populisti odierni si rifugiano serve solo a mascherare le colpe.
Li ricordo bene quegli anni. Sempre sul filo del rasoio di eventuali aumenti del petrolio che ci avrebbero mandato gambe all'aria con l'inflazione e l'aumento delle materie prime (rendendo meno competitive le nostre merci), sempre in attesa delle mosse della banca centrale americana, di quelle tedesca e di ogni foglia che si muoveva. L'euro ci ha liberati da tutto ciò, altro che perdita di sovranità!

Quanto agli scenari alternativi, ce n'è uno solo: smetterla di far chiacchiere a vuoto e rimboccarsi le maniche con Riforme dure, serie e radicali. I tedeschi, invece di criticarli dovremmo imitarli. Oggi siamo ancora in grado di farlo, giacché restiamo comunque la seconda potenza manifatturiera della UE.
Tra qualche anno non lo so.
Dunque son d'accordo con te sulla Le Pen: se vince, la UE è finita. Ma questo sarebbe un disastro, non un successo.
--------------------------------

@ Marlin. Era per caso Salvini, quel personaggio della Lega confidatosi con tuo zio? Qualche anno fa, a Ballarò, lo beccarono in un fuori onda che diceva la stessa cosa ad Abete.
Per dire quali personaggi imperversano nel nostro panorama politico e come abusano della credulità popolare
Torna all'inizio della Pagina

ilkraken
Mentor

The Kraken



1566 Messaggi

Inserito il - 02 marzo 2017 : 21:18:11 Invia a ilkraken un Messaggio Privato Rispondi Quotando
joe2 ha scritto:


I veri vantaggi dell'euro - che è soltanto un tassello del più grande progetto di Unione Europea e ogni tanto fa bene ricordarlo – sono in piccola parte già riassunti nell'articolo del Sole24ore di cui al link che ho pubblicato. Tra tutti, basta ricordarne uno: i bassi, bassissimi tassi d'interesse pagati in questi anni sui nostri titoli. E per un Paese col nostro debito pubblico già solo questo dovrebbe chiudere le discussioni.


Ahhaha e quanti sarebbero i bassissimi tassi di inreresse? E quanto erano alti prima dell'Euro??
Perché qui chi argomenta pro euro o non cita alcun dato, oppure si inventa i dati che vuole per giustificare le sue tesi. Ma esiste internet.
È una balla quella dei tassi d interesse. Se vuoi t cito qualche dato.
Torna all'inizio della Pagina

Marlin
Appassionato di cure alternative


Regione: Lombardia


32463 Messaggi

Inserito il - 03 marzo 2017 : 10:32:24 Invia a Marlin un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Ovviamente non farò nomi, Joe2,,,

Comunque la questione è semplice: nell'euro era meglio non entrarci, una volta entrati è necessario non uscirne perché altrimenti ci si spacca le ossa. Abbiamo smesso di crescere nel '95 quindi la lira l'abbiamo avuta per altri sei anni con i problemi attuali che ora si sono ingigantiti perché abbiamo la spesa pubblica da decenni fuori controllo e per gran parte improduttiva, questo nell'economia di mercato si paga caro al di là della moneta che si adotta, ma lo si paga molto più caro se si torna a una moneta debole.

Non che ci voglia un genio dell'economia a capire la fregatura del ritorno alla lira: gli italiani hanno in grande maggioranza case di proprietà, dal giorno dopo queste varrebbero il 20% in meno e in poco tempo il 40-50% in meno. Bell'affare, almeno per chi dall'estero ora può comprare il tutto a prezzi d'accatto. Questo è un modo di pagare i nostri debiti, ma è quello più da imbecilli.

Ciao

MA - r l i n
NON SONO MEDICO, sono appunto "appassionato" degli argomenti del forum e partecipo alle discussioni come MODERATORE;
SONO UN AMMINISTRATORE del forum e chiedo il rispetto del suo regolamento;
SONO REDATTORE di calvizie.net e annessi (FB, Twitter...), se ci sono informazioni da pubblicare e/o tradurre segnalatemele;
PROPONGO E SEGUO lo sviluppo di prodotti specifici partendo dalle esigenze che emergono dal forum.
http://www.luoghidipensiero.it/apologetica-leo-moulin/
Fra la piazza e il fiume, di qua e di là, vi sono alberi di vita, che portano frutto dodici volte, una ogni mese, con foglie che hanno virtù medicinale per la guarigione delle genti. (Ap 22,2)
Torna all'inizio della Pagina

ilkraken
Mentor

The Kraken



1566 Messaggi

Inserito il - 03 marzo 2017 : 11:13:57 Invia a ilkraken un Messaggio Privato Rispondi Quotando
Marlin ha scritto:


Non che ci voglia un genio dell'economia a capire la fregatura del ritorno alla lira: gli italiani hanno in grande maggioranza case di proprietà, dal giorno dopo queste varrebbero il 20% in meno e in poco tempo il 40-50% in meno. Bell'affare, almeno per chi dall'estero ora può comprare il tutto a prezzi d'accatto. Questo è un modo di pagare i nostri debiti, ma è quello più da imbecilli.

Ciao

MA - r l i n


Guarda che l euro nel 2008 era 1,6 sul dollaro ora è circa pari. Si è svalutato in 8 anni di più del 30%. La tua casa vale meno?
Vale meno se la vuoi vendere a un americano o a un cinese (quanti sono in italia?!?!).
Ma la spesa il 90% delle persone la fa in italia e i prezzi non sono saliti, anzi siamo praticamente in deflazione. La benzina è aumentata?? Il prezzo del petrolio ha delle fluttuazioni di ordini di grandezza enormi rispetto alle valute, inoltre il prezzo della benza è tutto accise praticamente.
Quando si parla di questi argomenti bisogna guardare gli ordini di grandezza tra le varie variabili in gioco altrimenti si traggono conclusioni opposte.
Torna all'inizio della Pagina

joe2
Membro Junior


Regione: Emilia Romagna
Città: bologna


68 Messaggi

Inserito il - 03 marzo 2017 : 17:42:35 Invia a joe2 un Messaggio Privato Rispondi Quotando
ilkraken ha scritto:

joe2 ha scritto:


I veri vantaggi dell'euro - che è soltanto un tassello del più grande progetto di Unione Europea e ogni tanto fa bene ricordarlo – sono in piccola parte già riassunti nell'articolo del Sole24ore di cui al link che ho pubblicato. Tra tutti, basta ricordarne uno: i bassi, bassissimi tassi d'interesse pagati in questi anni sui nostri titoli. E per un Paese col nostro debito pubblico già solo questo dovrebbe chiudere le discussioni.


Ahhaha e quanti sarebbero i bassissimi tassi di inreresse? E quanto erano alti prima dell'Euro??
Perché qui chi argomenta pro euro o non cita alcun dato,

Guarda, è sufficiente che tu apra il link dell'articolo del Sole24ore (inserito qualche post indietro) per ottenere dati. Non hai bisogno neanche di leggerlo, ti basta guardare le figure (grafici).
Se poi ne vuoi degli altri, basta chiedere. Ti posso inondare di dati relativi ai tassi d'interesse
Torna all'inizio della Pagina
 
Pagina Successiva
Vai a:
IESON.com / Calvizie.net   -   La Community anticalvizie.
Copyright 2001-2017 - tutti i diritti riservati - riproduzione anche parziale vietata