IESON - la community anticalvizie - DOMANDE e RISPOSTE APPLEMETS hair
Nome Utente
Password
Salva Password Password dimenticata?
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:

Proxy
Amministratore della Community

Proxy

Regione: Veneto
Città: Verona


20100 Messaggi

Stiamo parlando di:
AppleMets Hair® l’estratto di Mela Annurca Campana IGP :https://www.calvizie.net/applemets-hair-lestratto-mela-annurca-campana-igp/
Dipartimento di Farmacologia Universita' Federico 2°Napoli

Intervista su TG Leonardo (01-11):
http://www.rainews.it/dl/rainews/TGR/rubriche/PublishingBlock-26226a76-e9bd-4ecf-b38a-863e6ac1d4d4.html

01-12-2017
Quanto preannunciato è stato trasmesso da RAI 3 nella rubrica Tutta Salute di ieri 30/11/2017.

Per chi vuole rivedere la trasmissione (dal minuto 30):

http://www.raiplay.it/video/2017/11/Tutta-Salute-16e3a1b4-df6e-49f4-8e2b-38b5c77b73ed.html

07-12-2017
APPLEMETS AUMENTO DI CHERATINA E MELANINA:
http://www.ieson.com/topic.asp?TOPIC_ID=74466

Stiamo effettuando un trial interno con 16 pz.
http://www.ieson.com/topic.asp?TOPIC_ID=72943&whichpage=18

A PG 18 di questa discussione trovate un caso limite trattato:
anni 60,uomo,trattamento 60 gg
http://www.ieson.com/topic.asp?TOPIC_ID=72943&whichpage=22

Ho aperto una discussione sui commenti FOTO:
Utenti
http://www.ieson.com/topic.asp?TOPIC_ID=74128

Esiste la versione HDL+ per il colesterolo,che è senza Zinco e Biotina per chi già gli assume.
Il prodotto ha lo stesso dosaggio della versione HAIR ,seguire le medesime istruzioni per l'assunzione.
https://www.hairshopeurope.com/applemets-hdl


Tester:

http://www.ieson.com/topic.asp?TOPIC_ID=74209


"""Non stiamo parlando di nulla di miracoloso,non risolverete la vostra calvizie con tale prodotto.
Sembra però avere delle buone potenzialità,che unite al normale trattamenti, potrebbe dare una forte spinte alle cure.Quindi è sconsigliato sospendere le cure attuali, se vi state curando.
Ecco perché lo stiamo testando tra di noi,per capirne di più e vedere fino a dove possiamo arrivare"""

Qui un riassunto di tutte le domande fatto sino ad ora:


Punto 1)
Partiamo dal quesito sulle % di efficacia del prodotto.
I dati riportati nel lavoro, che avete avuto modo di vedere dalla brochure, riportano un incremento medio di capelli, per centimetro quadrato di cute, del 50% dopo 30 giorni, e 110% dopo 60 giorni.
Questo significa che mediamente un soggetto che ha ad es. 1 capello per cm2 di cute al T0, ne avrà 1,5 dopo 30 giorni e 2,1 dopo 60 gg. Chiaramente riferito a bulbi piliferi ancora vitali.
Questa è la “traduzione” più semplicistica che riesco a fare di un’elaborazione statistica del dato raccolto.
Credo che adesso tutti possiate capire che, nonostante si parli di 110%, questo non significa che il passaggio da 1 a 2 capelli cambia radicalmente l’aspetto della persona, ( nonostante mi pare di aver capito che rispetto a ciò che esiste fino ad ora sul mercato, questo rimane comunque un dato importante).

Punto 2)
In tutta onestà non abbiamo ancora avuto modo di fare valutazioni a lungo termine sugli effetti di AppleMets sull’alopecia androgenetica, allo stato attuale di sicuro abbiamo verificato che continuando ad assumerlo (anche in una dose di mantenimento di una sola capsula al giorno) si protraggono gli effetti benefici. Sospendendo del tutto l’assunzione la situazione è diversa e la variabilità è maggiore.
Ora do un mio giudizio, che rimane quindi un’opinione e non un dato scientifico. Dopo un periodo di sei mesi di terapia, ottenuti dei risultati, questi persistono, ma non ci sono ulteriori “passi avanti” nel rinfoltimento, ma solo un mantenimento.
Ma ripeto vi prego di prendere questa come una considerazione personale.

Punto 3)
La formulazione in capsule permette di far arrivare il principio attivo a livello gastrointestinale, solo in questo modo è consentito l’assorbimento del giusto quantitativo di principio attivo, tale da poter assicurare l’effetto. Chiaramente, il produttore si è dovuto attenere PIENAMENTE al protocollo fornito dall’Università, ciò significa che mi sento di rassicurarvi che il prodotto AppleMets in commercio risponde pienamente in tutti i suoi aspetti alla formulazione esatta e corretta utilizzata nello studio.

Ultima questio: I pazienti arruolati nel piccolo trial riceveranno il prodotto blisterato secondo tutte le GMP, e astucciate in confezioni di cartone molto simili nel packaging e nella grafica al prodotto in commercio, ma ci tengo a specificare (visto il vostro grande livello di attenzione) che nelle diciture potrebbe differire in qualcosa, in quanto trattasi di prototipi fatti artigianalmente dai mezzi che l’Università consente, essendo quindi noi non un azienda, né tipografica, né farmaceutica, non possiamo curare tali aspetti, ma consentiteci di dire che la composizione sarà ESATTAMENTE uguale a ciò che si trova in farmacia, anche nella giusta quantità di zinco, selenio e Biotina.

Spero di essere stata chiara e di aver almeno in parte risolto i vostri dubbi.
Saluti a tutti

Fabrizia Guerra

1) - Nella scatola di AppleMets Hair c'è scritto, in etichetta, 55mg di Selenio. Potete dichiarare che si tratta di un errore di stampa e non di un errore di comunicazione all'azienda produttrice? E che quindi l'integratore contiene 55mcg e non mg di Selenio, altrimenti tossici?


Assolutamente. Trattasi di un errore di stampa, come del resto lo è la dicitura “Malus Domestica Bork”, nel foglietto informativo. Ne ero già sicura perché in caso contrario non si sarebbero trovati con il peso della capsula nel controllo di qualità, ma ho anche fatto verificare le schede per conferma.
L’azienda rettificherà i prossimi astucci.

2) - L'estratto è microincapsulato giusto? Perché non è riportato nella dicitura nel retro della confezione?

Perché secondo le linee guida ministeriali non è un informazione necessaria da riportare.


3) -Meglio assumere le due compresse insieme? O divise?


Per ottenere il giusto assorbimento le capsule vanno assunte in momenti separati della giornata.


4) -I casi trattati che hanno avuto le percentuali di ricrescita riportate, erano affetti da alopecia androgenetica? E' stato preliminarmente accertato questo? Oppure erano soggetti ad effluvi o altre patologie?

Erano soggetti affetti da alopecia di vario genere, tra cui anche androgenetica.

5) -Mi è venuta in mente un'altra domanda. Si è detto dell'assenza di effetti collaterali, ma è davvero possibile che un principio attivo che stimola lo sviluppo del diametro dei capelli (di tutti i capelli, visto che le misurazioni le hanno fatte sulle zone "sane"), assunto sistemicamente poi non agisca anche su i peli? Di solito agenti del genere si applicano topicamente per ridurre la possibilità di irsutismo... È completamente scongiurato questo rischio?

I dati in vitro dimostrano che linee cellulari di cheratinociti trattati con l’estratto di AppleMets, esprimono isoforme di cheratina, tipiche esclusivamente di capelli ed unghie.
Ad ogni modo nessuno dei soggetti reclutati nel trial ha mostrato segni di irsutismo.


6) -Da dove provengono le mele per la produzione del prodotto?

L’estratto contenuto in AppleMets, certificato dall’Università, è prodotto esclusivamente (secondo un contratto tra azienda produttrice e Dipartimento) con Mele Annurche provenienti dal Consorzio di Tutela Melannurca Campana IGP.


7) -Se il prodotto contiene essenzialmente estratti della mela annurca, non sarebbe altrettanto efficace mangiarsi direttamente la mela anziché assumere delle compresse?

L’estratto in questione contiene solo i polifenoli della Melannurca. Ciò significa che tutte le altre sostanze “inutili”, contenute nell’alimento tal quale, non verranno assunte prendendo la capsula.
Ogni capsula contiene l’estratto polifenolico di circa tre mele, per esempio, se lei prende due capsule al giorno e come se stesse assumendo i polifenoli contenuti in 6 mele. Per assurdo, se mangiasse in maniera continuativa per due/ tre mesi di seguito sei mele al giorno, avrebbe valori di glicemia e trigliceridi decisamente alti.


8) -Perdonate l'ignoranza, ma il principio attivo è lo stesso di questo prodotto (che esiste chissà da quanto tempo)?

Procianidina B2 estratta da mele, (non annurche, dove il quantitativo di Procianidina è risultato essere maggiore rispetto a tutte le altre cultivar di mele). Qui la formulazione è ad uso topico.

9) – Qual è la titolazione dell'estratto? 0,04 mg di Procianidina B2 per g di estratto.

10) - Dosaggi più elevati del principio comportano risultati sempre maggiori o il quantitativo inserito in ogni capsula è già quello massimo?

Il nostro lavoro non ha previsto il dose-assestment, ad ogni modo la dose utilizzata nel nostro trial prevede un quantitativo di polifenoli inferiore alla metà del quantitativo massimo tollerabile quotidianamente come indicato dalla vigente normativa europea.

1)Ma se lo studio è durato 5 anni ,perché le foto dei risultati si fermano solo al terzo mese?
2)- Perdonate l'ignoranza, ma il principio attivo è lo stesso di questo prodotto (che esiste chissà da quanto tempo)? aspetta il parere di qualcuno più esperto, ma la differenza starebbe nel fatto che la polvere interna alle capsule dovrebbe essere gastroresistente.
3)Questo è un dato importante perché mio fratello mangia due mele al giorno: una prima di pranzo e una prima di cena. Gli sono state prescritte da un dietologo della mia zona, all'interno di un regime dietetico (che comprende molti altri accorgimenti), per smorzare il senso di fame prima dei pasti. Adesso l'ho chiamato e mi ha detto che le assume tutti i giorni da Gennaio, in maniera rigorosa. Il fatto però è che lui ha 26 anni e ha molti meno capelli di me, e soprattuto peggiora a vista d'occhio ogni volta che lo vedo (anche se ne frega e ha deciso di rasarsi a zero). Mi viene da pensare dato che l'estratto equivale a 3 mele, lui è quasi a quel dosaggio... Va bene che non è quella mela, ma come dosaggio è quasi quello di mantenimento. Non dico che doveva migliorare ma almeno non peggiorare così drasticamente come ha fatto ultimamente.
– Forse la differenza è data dal fatto che l'estratto è gastroresistente?
– Cosa però più importante: è quindi a rischio iperglicemia con queste 2 mele al giorno? Consideri che in famiiglia, da aprte di mia madre, hanno quasi tutti il diabete di tipo II.
4)Penso che i tempi della ricerca siano lunghi, prima in vitro, poi in vivo, poi sull'uomo, cinque anni per i primi risultati sull'uomo sono anche veloci, a mio modesto avviso. Le foto postate ora nell'articolo sul forum sono comunque notevoli, secondo me, e anche fatte bene, luce, posizione, etc. Solo uno studio fotografico potrebbe far meglio e comunque in giro si vede molto peggio. Abbastanza per valutare correttamente, secondo me. Mi piacerebbe sapere la differenza tra lo studio originario giapponese (era giapponese, giusto?) e questo. Ovvero: questi polifenoli sono sempre stati usati in lozione localmente o si è provato anche per via sistemica? La mela annurca in effetti ha la particolarità di cadere dall'albero quando è acerba, e matura per terra sotto il sole. Molto poetico il tappeto di mele rosse sotto l'albero raccolte in un telo. E' possibile che il suo contenuto così alto di polifenoli sia dovuto alla necessità di resistere in queste condizioni. Un concentrato di polifenoli. Ma mi chiedevo anche se troppi polifenoli fanno male a questo punto. Assumerne la metà in compressa, intendo, con una dieta equilibrata. Dopo grassi e carboidrati ci manca solo doversi contenersi anche in frutta e verdura. Sei mele in effetti sono 1/4 dei carboidrati. Non impossibile ma più pratico in compresse. Poi mi piacerebbe avesse risposta la questione del fattore di crescita, per quanto mi pare di aver capito agisca solo su capelli e unghie. Ringrazio anche io la dott.sa e, ne approfitto, anche xxenergyxx per le sue spiegazioni, tra i pochi commenti che si vorrebbe fossero postati su un forum come questo. A tal proposito, la suggestione di aver toccato un nuovo meccanismo per la comprensione della AGA è molto interessante e, se possibile, mi piacerebbe fosse girata alla Dott.sa.

Rispondo a più domande insieme

Ogni capsula contiene l’estratto polifenolico di tre mele, per due capsule al giorno sono quindi sei mele. Prima di arrivare agli studi sull’uomo, prima del vitro e prima della caratterizzazione dell’estratto (da qui rispondo anche alla domanda su come sia possibile che uno studio duri 5 anni), la prima cosa che abbiamo fatto è confrontare il contenuto di polifenoli nella Melannurca rispetto a tutte le altre cultivar, infatti la Annurca presenta un quantitativo di polifenoli di circa 4 volte maggiore rispetto a tutte le altre. Per capirci l’estratto della Golden Delicious per esempio, sarebbe molto meno ricco di procianidine rispetto a quello di Annurca. Per quanto riguarda l’iperglicemia dovuta all’assunzione di due mele, lo escludo assolutamente, fermo restando che non è il luogo per parlarne.
Sono contenta di constatare che qualcuno abbia anche dato la spiegazione per cui avviene ciò. La Melannurca matura a terra. I polifenoli sono quindi sostanze di difesa (antifeedant) per la mela stessa che maturando a terra è molto più soggetta ad attacchi di parassiti rispetto ad una che cresce e matura sugli alberi.
L’estratto è microincapsulato in maltodestrine e la capsula è gastroresistente, questi accorgimenti servono per consentire alla Procianidina B2 di arrivare a livello intestinale per essere assorbita completamente.
Quando ho detto che le Mele possono essere solo quelle del Consorzio di Tutela Melannurca Campana IGP, volevo appunto dire che devono rispettare moltissimi requisiti di sicurezza ed è quindi sinonimo di qualità.

Per quanto riguarda la risposta alla domanda “se troppi polifenoli fanno male”, la dose utilizzata nel nostro trial prevede un quantitativo di polifenoli inferiore alla metà del quantitativo massimo tollerabile quotidianamente come indicato dalla vigente normativa europea. (il riferimento alla norma si trova anche nel lavoro).

Il lavoro Giapponese prevedeva l’applicazione di una lozione topica a base di Procianidina B2, qui stiamo parlando di una somministrazione sistemica per os.

5) l'integratore ha dato risultato su tutti o in alcuni no, come avviene per minox e fina? Ovvio che alcuni risponderanno meglio di altri quindi ulteriore domanda è: avete notato se vi siano delle categorie di persone che rispondono meglio di altre? (età, sesso, aga avanzata o iniziale) Grazie
Ovviamente, ci sono stati dei "non-risponders", soprattutto tra i soggetti con calvizie irreversibile, intendo, coloro i cui bulbi non sono più vitali.

7) Qual è il suo meccanisco d'azione se non ha effetto sul DHT?
Il meccanismo d'azione del principio attivo dl prodotto AppleMets, la procianidina B2 e i suoi congeneri oligomerici, è stato delucidato da Kamimura et al. (2006) (Skin Pharmacol Physiol. 2006;19(5):259-65.
Procyanidin oligomers counteract TGF-beta1- and TGF-beta2-induced apoptosis in hair epithelial cells: an insight into their mechanisms. Kamimura A, Takahashi T, Morohashi M, Takano Y.).
In breve, la B2 contrasterebbe l'azione di fattori apoptotici (TGF beta-1 e TGF beta-2) a livello dei bulbi del capello, prolungando la fase anagen rispetto alla fase catagen.
Inoltre, nostri studi in vitro, in fase di pubblicazione, dimostrerebbero la capacità di AppleMets di stimolare nei cheratinociti la sintesi di cheratina nelle sue varie isoforme.

4) avete notato cambiamenti nella colorazione dei capelli, nel senso che i
capelli grigi o bianche ritornano scuri?
Effettivamente, una certa percentuale dei nostri pazienti ha evidenziato una maggiore incidenza di capelli scuri.

Alcuni di voi chiedevano altre foto, ne ho ancora alcune, ma sto aspettando di avere l'ok dalle persone interessate, ed altre mi hanno chiesto di evitare la divulgazione.
Cercherò di fare ciò che posso, in caso contrario, portiamo un po' di pazienza che tra poco avrete il riscontro di persone che frequentano in maniera attiva il blog.
Alcune domande sono molto specifiche, tipo:
3) -Sono affetto da alopecia androgenetica con miniaturizzazione sul
vertex, cioè i miei capelli in quella zona sono abbondanti, ma stanno diventando sempre più fini e radi fino a che un giorno saranno minuscoli e
quasi invisibili. Se io ho 20 capelli in un cm2, appunto malridotti, displasici, miniaturizzati, cosa mi devo aspettare? Che avrò stop della
miniaturizzazione e che dopo 60 giorni addirittura avrò 40 capelli per cm2 e sani? Inoltre come sarà la consistenza del fusto di quei capelli che ancora ho e che in questo momento si stanno miniaturizzando?

Chiedo scusa alla persona che mi ha posto questa domanda, non penso di poter dare una vera risposta. Ci sono dei fattori che non posso prevedere, nonostante i dati ottenuti. Questi studi dovranno andare avanti e indagare nello specifico molti aspetti, spero che questo possiate capirlo.

)Qualcuno più in su che diceva che è l'estratto ad essere microincapsulato e gastroresistente e non la perla in sè di gelatina. Vorrei che i dottori confermassero questa cosa e se quindi si può assumere queste perle in altro modo magari rompendole
L’estratto è microincapsulato in maltodestrina, e la capsula è gastroresistente. La capsula va deglutita assolutamente deglutita com’è.

2)Domanda mia x i dottori: dato che avete accesso (illimitato credo) al prodotto mela Annurca e dati i risultati interessanti di quel famoso studio giapponese, avete in programma di sviluppare una versione topica?
Al momento non ne abbiamo discusso, forse per ora sarebbe meglio approfondire questa formulazione a cui potrebbero seguirne altre.


1)essendo uno dei tester vorrei fare le cose per bene. Allenandomi in palestra faccio circa tre pasti più tre/quattro spuntini al giorno.
Dovendo assumerle lontano a stomaco vuoto e come anticipato non avendo molte ore "buche" tra un pasto e l'altro, le tempistiche suggerite da giuseppe vanno bene?
Ossia 1 ora prima del pasto, oppure 2 ore dopo.

La questione assunzione prima o dopo i pasti in realtà non è molto vincolante.
Mi spiego meglio, la capsula come sapete è gastroresistente, la sostanza si libera a livello intestinale e il cibo non ne influenza quindi l’assorbimento. Sulla confezione è riportata questa dicitura più che altro per seguire delle linee guida ministeriali. Generalmente, se non ci sono particolari indicazioni, per questioni di assorbimento è meglio assumere una capsula o una compressa lontano dai pasti. Nel caso di AppleMets la gastroresistenza fa superare questo problema.


2)Dato che soffro di acne da moltissimi anni (cosa che solo finasteride che utilizzo per l'androgenetica riesce a tenere sotto controllo), volevo sapere: secondo i vostri studi esiste il razionale per un effetto antiacne (come nello studio) o comunque non peggiorativo data l'azione sui cheratinociti dell'estratto di mela?

Non abbiamo fatto alcuna valutazione sull’effetto di AppleMets o comunque delle Procianidine in genere, su acne o qualsiasi altra malattia dermatologica. Non c’è alcun presupposto per dire che ci possa essere un peggioramento, mi azzardo a dire che essendo sostanze antiossidanti potrebbero avere degli effetti positivi.

3)Potrebbe essere utile per effluvio cronico? 4) i pazienti coinvolti nello studio, a prescindere da chi ha risposto di meno e chi di più, a fronte di una minore ricrescita hanno almeno ridotto la caduta? Grazie

L’effluvio si riduce sicuramente. Il primo effetto che viene notato dalle persone è una maggior velocità nella ricrescita, seguito da un progressivo stop nella caduta.







4)Buongiorno dottore, foto sbagliate a parte, io ho acquistato(la scorsa settimana)4 confezioni del vostro prodotto presso la farmacia Molettieri, rassicurato anche dalla ragazza che me le ha vendute, su quanto fosse serio il tutto. Le ultime immagini che avete postato purtroppo non corrispondono minimamente alle percentuali di recupero promesse, nonostante ciò mi assicura che in altri soggetti che avete potuto visionare nel corso dello studio i risultati si erano avvicinati a quelli da voi descritti? Grazie, saluti.

6)Però dottore mi permetto di farle presente che la suddetta situazione di cui al punto 3 è la classica problematica di cui soffre il 95% delle persone che qui stanno discutendo e provando AppleMets. E' infatti questa la tipica Calvizie Androgenetica, che come primi sintomi ha proprio la miniaturizzazione dei capelli sul vertex e le tempie. Problema per cui le persone stanno provando quasi esclusivamente il prodotto. E proprio in relazione a questo problema, che il prodotto si spera possa dare risultati. Se non rispetta le percentuali su questo problema è tutto inutile, o se non le rispetta in buona parte. Per questo sarebbe utile sapere e proprio questo le ho chiesto: come hanno reagito i vostri pazienti affetti da classica calvizie androgenetica?



7)risposte vaghe (es: contiene i polifenoli di tre mele)
Cosa c’è di vago nel dire che il quantitativo di estratto contenuto in ogni capsula corrisponde alla quantità di polifenoli presenti in tre Mele Annurche?
Tutti questi errori (foto, etichette)
I due errori elencati sono dovuti 1) A una leggerezza nel dare una bozza che non avremmo dovuto divulgare prima del tempo, 2) non potendoci occupare di tutto perché non siamo grafici, tipografi, azienda farmaceutica, ci siamo spesso affidati a terzi, ci sono state molte disattenzioni anche perché non sempre la stessa persona si è occupata di tutto. Se non lo volete capire siete liberi di non credere nel prodotto ma vi prego di evitare di continuare a creare spunti e focolai per nuovi dubbi e/o illazioni.

Dato il tono di alcune domande e considerazioni, devo purtroppo necessariamente fare delle precisazioni. Vorrei sottoporre alla vostra attenzione che il lavoro sarà pubblicato su una rivista scientifica dal nome “Journal of Medicinal Food” e non “Journal of Dermatology”, o simili. Questa rivista si interessa quindi di tutte quelle proprietà, scoperte nelle matrici alimentari, che possono avere degli effetti benefici sulla salute. Questo è uno studio preliminare, che a parere della rivista ha dato degli effetti tali da essere pubblicati. Sono state gettate le basi per aprire nuovi approfondimenti, più specifici, che sicuramente seguiranno. Io credo che questo sia sufficiente per non destare meraviglia se aspetti approfonditi sui diversi tipi di alopecia non se ne conoscono ancora. Nel nostro piccolo, mettendoci a disposizione per un trial interno con voi del forum, credo abbiamo dato dimostrazione del fatto che siamo sicuri dei risultati ottenuti dallo studio e della bontà del prodotto. A questo punto rimandiamo il tutto a quando coloro che stanno già provando AppleMets (compresi i reclutati del forum) diranno la loro, perché prima di quel momento ogni considerazione sarà inutile



8)Mi date un consiglio. Poiché faccio uso di pillola per colesterolo prodotto naturale posso sostituirla con nuovo prodotto e in che termini? Cosa assume? Che valori di colesterolo ha? Mi contatti in privato.

9)C'è qualcuno su hairlosstalk che dice di essere un dottore dello studio... Boiata vero?
Su hairlosstalk stanno intervenendo i Professori.


10)Come mai sulla scatola sta scritto "assumere una capsula al dí" mentre voi consigliate due al giorno?
Sempre per motivi legati alle linee guida ministeriali, consigli seguiti dall’azienda produttrice quando invia la notifica al Ministero.


11)La proposta che faccio ai ricercatori è questa: assumo HDL+ 2cp al giorno a stomaco vuoto prima dei pasti per 90 giorni. Non vario il mio regime contro l'androgenetica (che è scritto nella mia firma) per tutta la durata del test. Tenendo in considerazione che assumo finasteride (1/5 di proscar) dal 2004 ininterrottamente, melatonina zincon-selenio (da 15 anni), la lozione con alfa estradiolo + ketoconazolo da 2 anni. La mia androgenetica è stata stabile fino a un anno fa quando ha subito un leggero peggioramento sulle tempie (soprattuo sx) e sul vertex. Ho 35 anni.
Posso procedere? Chiedo conferma ai ricercatori.

Si, è una buona soluzione dal momento che assume già Zinco e Selenio in altro modo.



12)Buongiorno, avrei una domanda questi integratore è possibile assumerlo, nel tempo, insieme ad un altro integratore multivitaminico/minerali?
Oppure l assunzione concomitante per es. di zinco e selenio potrebbe poi arrecare danni, considerando sempre la lunga durata della cura.
La versione anti colesterolo, che non contiene zinco, selenio e biotina potrebbe essere ugualmente valida?
Grazie in anticipo per vorrà chi rispondere
ps l integratore multivitaminico che io attualmente assumo giornalmentesi chiama Vitacor plus.

Come riportato per un caso simile sopra, potrebbe assumere la versione HDL+.

Il miglioramento verso le tempie c'è stato, avevo anche una foto ma a quanto pare per questione di diversa pettinatura non sembra una foto valida, ma la persona interessata era soddisfattissima e vedeva molti capelli nuovi.


Questione trial. E qui cerco di rimanere calma. Ma le foto o i dati sensibili dei pazienti di trial clinici di nuovi farmaci vengono divulgati ? Ma cosa stiamo dicendo? Qui ci sono vincoli di privacy incredibili. Ogni paziente ha la sua cartella chiaramente, che non sono accessibili nemmeno a me. Non si tratta di materiale divulgativo. Cerchiamo di fare e dire cose con criterio per favore.

Grazie davvero alla persona che ha dato un feedback positivo al prodotto, anche se minimo. Ma dopo tante critiche spiovute questa opinione (dopo solo 9 giorni di trattamento con una HDL+ è un Hair al giorno per giunta) mi fanno davvero piacere. Chiaramente non sono meravigliata, ma comunque felice.

) il fatto che sia microincapsulato significa che ha le dimensioni del micron ? che sostanza viene usata per microincapsulare? l'estratto di mela è ridotto in nanoparticelle ?
La microincapsulazione è una tecnica industriale, che in questo specifico caso, serve prima di tutto per lavorare meglio la sostanza durante il processo di produzione. La maltodestrina è l’agente di rivestimento che ingloba la polvere di estratto, al fine di proteggere la molecola e aumentarne la biodisponibilità. Le dimensioni del micro incapsulato sono nell’ordine del micron.
2) Non trovo più la domanda, ma qualcuno mi ha chiesto se anche HDL+ fosse microincapsulato. Chiaramente si, ennesimo errore, in questo caso omissione, di stampa.


Questione Vellus.
4)Grazie!Chiaramente ringrazio ancora la dottoressa. Lei ha detto che ci sono stati casi di "non risposta" in cui i bulbi non erano più attivi; per bulbi non più attivi intende che non c'erano più nemmeno vellus? In altre parole avete casi di persone che hanno recuperato i vellus?
5)concordo, ma è importante, anzi importantissimo sapere se ci sono stati di persone che hanno recuperato i vellus perchè molto ruota attorno a questo. Se si ha risposta a questa domanda capiamo davvero tante cose e ci facciamo idea sulle potenzialità del prodotto
6)scusate ma se c'è vellus implica un bulbo vivo, quindi stando a quanto detto in linea di massima si dovrebbe recuperare

7)fermo restando che in soli 3 mesi credo che il miglioramento visibile a occhio nudo sia dato da riduzione di effluvi e insspessimento dell'esistente, certamente non inversione della miniaturizzazione


8)In realtà rispondeva a me, ma credo proprio di aver commesso un errore, visto che non intendevo peluria trasparente, ma piccolissimi capellini ancora leggermente pigmentati, quindi miniaturizzati in maniera importante, ma non ancora vellus. È stato un mio errore. In ogni caso credo proprio che pensiamo la stessa cosa



9)Grazie!Chiaramente ringrazio ancora la dottoressa. Lei ha detto che ci sono stati casi di "non risposta" in cui i bulbi non erano più attivi; per bulbi non più attivi intende che non c'erano più nemmeno vellus? In altre parole avete casi di persone che hanno recuperato i vellus?
concordo, ma è importante, anzi importantissimo sapere se ci sono stati di persone che hanno recuperato i vellus perchè molto ruota attorno a questo. Se si ha risposta a questa domanda capiamo davvero tante cose e ci facciamo idea sulle potenzialità del prodotto

10)scusate ma se c'è vellus implica un bulbo vivo, quindi stando a quanto detto in linea di massima si dovrebbe recuperare

fermo restando che in soli 3 mesi credo che il miglioramento visibile a occhio nudo sia dato da riduzione di effluvi e insspessimento dell'esistente, certamente non inversione della miniaturizzazione


11)In realtà rispondeva a me, ma credo proprio di aver commesso un errore, visto che non intendevo peluria trasparente, ma piccolissimi capellini ancora leggermente pigmentati, quindi miniaturizzati in maniera importante, ma non ancora vellus. È stato un mio errore. In ogni caso credo proprio che pensiamo la stessa cosa

Errori di stampa:
la notifica é fatta sulla base della ricetta usata in fase di produzione, che come ho già detto precedentemente ho chiesto di verificare, e ovviamente è corretta. In caso contrario il Ministero non accetterebbe la notifica. L'errore di stampa prescinde da tutto ciò.
Ma questo già è stato spiegato precedentemente.
Se in tipografia sbagliano una grafica già prestabilita purtroppo c'è poco da fare. Li abbiamo allertati e i prossimi lotti avranno la grafica corretta.

27-09-17
AUMENTARE IL DOSAGGIO:
Come già sapete lo studio sui capelli si è fermato con l’assunzione di due capsule al giorno, non sappiamo quindi se aumentando la dose ci possa essere un incremento dell’effetto. Non è escluso che faremo anche delle prove in tal senso, rispettando quelli che sono i limiti di assunzione giornaliera di polifenoli ammessi.
In effetti è risaputo che i polifenoli sono sostanze antiossidanti che contrastano l’azione dei radicali liberi, c’è da dire però che da una decina di anni la letteratura scientifica ci dimostra che un eccesso di questi può portare alla produzione di radicali liberi e comportarsi quindi da pro-ossidante. Chiaramente stiamo parlando di quantità davvero elevate, ed ecco perché esistono dei limiti di assunzione anche per i polifenoli.

Dal momento che in alcuni test su cavie, la somministrazione endovenosa dell’estratto ha mostrato un aumento della riperfusione capillare, (specifico che non abbiamo fatto alcun test per quanto riguarda la vascolarizzazione dei follicoli piliferi), stiamo conducendo uno studio sulle vasculopatie, in cui l’assunzione giornaliera prevista è di 4 capsule al giorno. Fino a tale dosaggio, abbiamo certezza che non vi sia tossicità epatica e renale.

INFO RIGUARDO IL GRUPPO DI RICERCA UNIVERSITARIO
Volevo fare un piccolo inciso, anche se uscire così tanto fuori tema lo trovo, permettetemi, un po’ inutile ai fini dei nostri scopi.
Noi siamo un gruppo di ricerca, ognuno con i suoi compiti e mansioni. Un team di ricerca è come una piramide; i Professori sono promotori e ideatori degli studi, i ricercatori (dal punto di vista della carriera accademica è il gradino precedente al Professore) e i Dottorandi, portano avanti la ricerca dal punto di vista pratico, laboratoriale e applicativo supportati e supervisionati dai Professori.
Per concludere una pubblicazione scientifica riporta il nome di tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di quella ricerca.
Ognuno ha il suo lavoro e la sua professione, con i meccanismi che li regolano che chiaramente non possono essere pienamente capiti da chi non li vive in prima persona.

28-09-17


Come sapete, le farmacie provviste di un laboratorio sono adibite alla preparazione di prodotti galenici. Nei vari convegni in cui veniva presentato lo studio, è capitato più volte che qualche farmacista avesse chiesto di poter preparare “AppleMets” in farmacia, prima della sua immissione ufficiale in commercio.
Chiaramente questo si poteva fare acquistando direttamente l’estratto dall’unica azienda preposta alla produzione dell’estratto, previa autorizzazione da parte del Dipartimento, che in questi casi permetteva loro di stampare delle etichette che avessero il logo di AppleMets.
Nulla di strano insomma, tanto per fare un esempio, una mia amica farmacista, sentendomi parlare spesso di ciò che stavamo mettendo a punto, con il benestare dei Prof, prepara un prodotto a base di estratto di Melannurca già da un bel po’.

“Il mantenimento dei capelli normali” è il claim ministeriale (REGOLAMENTO UE) di Zinco, Selenio e Biotina. La Melannurca non ne ha ancora nessuno, (prima di ottenere un claim servono tantissimi studi), se si riportasse qualcosa di diverso nella scheda da inviare al Ministero, si commetterebbe un illecito e chiaramente non verrebbe nemmeno notificato.

Per quanto riguarda l’effetto vasodilatatore, potrebbe c’entrare NO, però vi prego di non chiedermi di più perché stiamo ancora in piena fase dello studio e dare spiegazioni adesso potrebbe essere controproducente.
Dal momento che in alcuni test su cavie, la somministrazione endovenosa dell’estratto ha mostrato un aumento della riperfusione capillare, (specifico che non abbiamo fatto alcun test per quanto riguarda la vascolarizzazione dei follicoli piliferi), stiamo conducendo uno studio sulle vasculopatie, in cui l’assunzione giornaliera prevista è di 4 capsule al giorno. Fino a tale dosaggio, abbiamo certezza che non vi sia tossicità epatica e renale""


Dai dati raccolti del trial non vi sono state differenze statisticamente significative nella risposta tra uomo e donna. Nella progettazione del prosieguo dei prossimi studi, potremmo immaginare bracci separati, ma anche qui è prematuro dirlo.

-Dottoressa volevo cortesemente chiederle se avete registrato eventi avversi a livello gastro-intestinale con tale dosaggio di procianidine. Perché a me il piocnogenolo mi ha dato questi effetti avversi e ha classi di procianidine simili. Non ho ancora cominciato ad assumere AppleMets perché attendo di finire una terapia antibiotica.

No, nessuno lo ha mai segnalato.

Dimensione CAPSULE:

Le capsule sono quelle,non ne verranno fatte di diverse,quindi o vi adattate o lasciate perdere.
La dottoressa non può fare miracoli
Non essendo enormi,non capisco tutti questi problemi, capisco che ognuno ha i suoi limiti,ma veramente queste capsule sono nella norma.

29-09-2017
Ho una domanda che potrebbe sembrare stupida, ma la faccio lo stesso. Secondo quando avete visto, su persone che erano diradate, ma non completamente calve, insomma gente che di capelli ne aveva ancora, beh, volevo chiedere se su tutte queste persone c'è stato almeno un blocco della caduta. Credo sia importante come domanda, fermo restando che tra i tester vi erano patologie distinte...

-Chiedo scusa per la mancata risposta alla domanda del prurito. Nessuno mi ha mai segnalato questo aspetto.

Lo stop della caduta l'abbiamo registrato bene o male in tutti. Fermo restando che nei casi di gravi diradamenti non incoraggiavo l'uso di AppleMets, quindi per quei soggetti avrei pochi esempi.

2-10-2017
)Salve a tutti. Sto assumendo l'integratore da un paio di settimane. La percentuale di caduta è rimasta invariata. Quello che è ho notato è un miglior stato di salute generale dei capelli. Il colore appare più intenso e brillante, e da quello che vedo sembra che quelli presenti si stiano iniziando ad ispessire. Però è ancora presto per un bilancio definitivo.
Quello che mi preme ora però è un'altra cosa. Oggi ho notato che un neo che avevo si è scurito e ingrandito. Potrebbe essere che l'incidenza sulle strutture citate (pelle, unghie, capelli) abbia prodotto un fenomeno spiacevole? Penso per esempio a qualche "fattore di crescita", risultato nocivo. Magari qualcuno di voi ha notato lo stesso effetto o potrebbe verificare. Non conosco bene il meccanismo d'azione del prodotto per pare dia una bella botta a tutto il sistema..grazie per chi darà un feedback

Non c’è nessuna over espressione di fattori di crescita di questo tipo. In ogni caso è la prima volta che mi viene segnalato.



2)Ho una domanda per la Dottoressa: per un paio d'ore dopo aver assunto la capsula ho dolori di stomaco e una lieve nausea. Dopo passa tutto. Potrei assumerla a stomaco pieno senza inficiare la gastroresistenza e l'assimilazione dell'estratto?

Si assolutamente, come già abbiamo detto il cibo non inficia l’assorbimento delle Procianidine, poiché la capsula si libera a livello gastrointestinale.



3)Altra domanda per i dottori: avete avuto l'impressione che Applemets abbia anche un effetto diuretico?
In questi ultimi giorni sembra di fare più pipi di quanta acqua beva, magari sono solo i primi freddi che fanno questo effetto, ma magari è l'estratto di mela.

No, mai segnalato alcun effetto diuretico.


4)Volevo fare una domanda. Ho il colesterolo decisamente un po' alto (267) e prendo giornalmente 20mg di pravastatina sale sodico. Ho iniziato già da una dozzina di giorni Apple Mets e penso di continuare. Ora, posso augurarmi una azione congiunta e positiva delle due cure?

Assolutamente si, se quelli sono i suoi valori soliti assumendo la statina le consiglio di fare un prelievo ematico a 40-50 giorni di AppleMets controllando Colesterolo Totale, LDL, HDL, e Trigliceridi. Mi faccia sapere



5) Lei dottoressa ha detto che non è escluso che in futuro facciate un trial aumentando la dose di applemets: non voglio rubarvi il lavoro, ma non converrebbe farlo entro breve in modo da avere un riscontro quanto prima? Se la dose raddoppiata fosse comunque inferiore al limite consentito potrebbero esserci ulteriori miglioramenti restando in sicurezza...

Non mi ruba il lavoro, se lo ritiene opportuno può anche assumere più capsule di AppleMets, anche se come suggerito dai moderatori sarebbe meglio cominciare con due, vedere gli effetti, e poi passare a 4.





6) ma non è possibile avere piu' informazioni di queste persone che hanno mostrato ricrescita che si sono sottoposte al trial ?
dovrebbero essere persone della campania,magari sarebbe bello avere una loro testimonianza diretta,io che sono di napoli li andrei a trovare direttamente a casa loro

Le persone del trial credo sia decisamente escluso di tirarle in ballo. Potremmo pensare di portare la testimonianza di persone reclutate in concomitanza del trial che hanno assunto AppleMets in maniera “amatoriale”. Ma credo che poi direste che sono di parte, ed eviterei perdite di tempo
Lotti diversi,capsule nelle feci :

Non esistono lotti diversi di capsule, ma lotti diversi di estratto di Melannurca, che come già abbiamo detto in precedenza, può variare di aspetto perchè dipende dalla natura stessa del frutto. Ma ogni lotto di estratto torna all'Università per i controlli del titolo, che chiaramente deve essere sempre lo stesso, a prescindere dall'aspetto, ed è questo l'unico dato di cui tenere conto. Al massimo le capsule possono essere leggermente diverse se la preparazione è galenica di farmacia.
Che vengano ritrovate tal quali nelle feci mi lascia davvero molto perplessa, e mai come in questo caso è stato segnalato nulla di simile.

Nausa:
qualcuno ha segnalato la sensazione di capsula "pesante", ma nausea e acidità di stomaco, no. Persista e la assuma proprio durante il pasto.

03-10-2017
Ancora, nausea, capsule gastroresistenti,tipo di Capsula , erezioni,non erezioni:


Siete dei tester molto attivi, sicuramente è un fatto positivo, ma vi prego non lasciamoci suggestionare da ogni piccola cosa.
Disfunzione erettile, o comunque minor vigore in tal senso, decisamente mai segnalata, anzi, giusto per ridere ieri ho ricevuto una telefonata di una persona che si sentiva "molto carica". Inutile dire che anche in quel caso (positivo suppongo) non sapevo cosa dire.
Questo per dirvi che ogni piccolo cambiamento del nostro stato fisio-patologico lo si vuole ricondurre alla mela, ma insomma non è così.
Le capsule sono gastroresistenti, si disgregano a livello intestinale e lì rilasciano il principio attivo, quindi la sensazione di pesantezza allo stomaco può essere dovuta semplicemente al "volume" della capsula stessa, o a suggestione.


nfine volevo ricordarvi che esiste una sola formulazione ufficiale di AppleMets (quella prodotta da Farmalabor per intenderci), e cioè in capsule gastroresistenti, con una miscela chiara.
Le preparazioni galeniche potrebbero differire leggermente nell'aspetto, ma non nella sostanza, fin quando vedete una confezione con il simbolo della Federico II.

04-10-2017
Composizione capsule gastroresistenti:


rispondo sopratutto al Signor Andrea, che mi ha anche scritto in privato, e riporto la dicitura riportata dalla scheda tecnica delle capsule utilizzate dal produttore di AppleMets.

Componenti:
Ipromellosa
Titanio biossido
Gomma gellano
Titanio biossido (E 171; CI 77891; opacizzante; rif.
231/2012/CE, 21 CFR, Ph. Eur., JP, USP/NF);
Ipromellosa (E 464; rif. 231/2012/CE, Ph. Eur., JP,
USP/NF); Gomma gellano (E 418; gelificante; rif.
231/2012/CE, JSFA, 21 CFR)

Capsule vegetali di tipo 0, con corpo e testa di colore
bianco, dotate di spiccate caratteristiche di resistenza
all'ambiente acido. Sono capsule innovative a base di
Idrossipropilmetilcellulosa che permettono di veicolare in
maniera "protetta" i componenti sensibili all'acidità
gastrica; esse sono progettate per resistere almeno 30
minuti prima della rottura in ambiente gastrico, aprendosi
poi completamente nei fluidi intestinali.

Se tollerava le procianidine dell'Uva è difficile che non riesca con queste. Dovrei approfondire, poichè non sono onnisciente, e appena avrò tempo prometto che lo farò. Purtroppo non so dire se può essere intollerante a qualcuno dei componenti delle capsule, anche se le sostanze che vengono utilizzate sono normate da regolamenti UE e riportate nelle Farmacopee Ufficiali, e sono bene o male le stesse per tutti gli integratori e farmaci. So che ci tiene a continuare, spero che nei prossimi giorni possano questi disturbi affievolirsi.

05-10-2017 UNGHIE PIU' FORTE VELOCITA' DI CRESCITA:
Per quanto riguarda la questione delle suggestioni, qualsiasi esse siano, ho sempre risposto in maniera onesta, riportando quelle che sono state le segnalazioni degli utilizzatori.

Le unghie più forti e più veloci nella crescita non sono un trip mentale, su questo ne siamo certi. Più volte ho riportato parte dello studio in vitro in cui viene dimostrato che l'incubazione di cellule cheratiniche con l'estratto, ha portato ad un significativo aumento dell’espressione della cheratina, di circa tre volte rispetto al controllo, e vi assicuro che questo dato non è da poco. Ho anche specificato che le isoforme di citocheratina normalmente espresse nelle unghie e nei capelli hanno visibilmente raggiunto livelli molto alti di espressione durante tutto il trattamento. Tutto questo a concentrazioni relativamente basse di prodotto e tempi brevi di esposizione. In questo caso c'è un'evidenza scientifica in vitro, supportata chiaramente dai tester che da subito segnalavano questa grande velocità di crescita, e un notevole rafforzamento, sia nelle unghie che nei capelli, che talvolta potevano divenire quasi fastidiosi (vedi le persone che hanno noia nel tagliare spesso le unghie, o le donne che facevano il semipermanente).

DETTAGLI LAVORO SULLA KERATINA:
Riporto ciò che mi ha scritto il Professore che ha svolto gli studi in vitro sulle cellule cheratiniche. Seguirà la descrizione di ciò che stiamo improntando adesso come nuovi studi in vitro. Specifico che non ci saranno aggiornamenti “live” circa i risultati di tali test sul forum. Non è questo il luogo per riportare dati scientifici preliminari. Quindi per favore, non fatemi domande su come evolvono gli studi, al momento opportuno saremo noi a dare delle informazioni.

Nel lavoro pubblicato, lo scopo principale degli studi preclinici in vitro è centrato sull'opportunità di intraprendere una valutazione, mediante "esperimenti guida", delle possibili interazioni a livello molecolare tra le componenti naturali del prodotto nutraceutico (i.e. estratto di melannurca campana) e le principali cellule che costituiscono la struttura dell'epidermide umana, e da cui originano tutti gli annessi e le produzioni cutanee. Dovendo pertanto esplorare un campo del tutto nuovo e, allo stesso tempo, allestire progressivamente più specifici e mirati modelli in vitro per finalizzare i nostri studi, ci è sembrato opportuno iniziare la sperimentazione preclinica da un modello cellulare che nella sua semplicità riflettesse la struttura e le principali proprietà biologiche dell'epidermide umana, fisiologicamente "produttrice" di grandi quantità di citocheratine. Difatti, la linea cellulare umana HaCaT che abbiamo utilizzato per questo studio rappresenta un consolidato e ben referenziato modello che, in opportune condizioni di coltura, riproduce perfettamente le caratteristiche biochimiche di cheratinociti normali epidermici (normal Human Epidermal Keratinocytes, nHEK), molto utili, come si evince da numerose e recenti referenze in letteratura scientifica, per realizzare studi su processi di cheratinizzazione come quelli che avvengono nel corso del differenziamento cellulare e della produzione degli annessi cutanei, quali unghie e capelli. In questo contesto e nell'ambito di studi preliminari, il nostro obiettivo è stato quello di valutare la capacità di questo prodotto di stimolare in modo specifico l'espressione e la biosintesi di cheratine, senza dare significative interferenze con la vitalità cellulare e/o con la regolazione di processi cellulari dinamici quali crescita e proliferazione. Pertanto, sulle basi di inequivocabili evidenze cliniche, il modello HaCaT ci è sembrato quello più adatto per intraprendere studi di regolazione dell'espressione di citocheratine, nel tentativo di delineare un contesto nel quale il punto di partenza fosse un evidente incremento del contenuto di queste proteine. Per questi motivi, e per altri ancora, la scelta e la selezione del sistema cellulare con cui iniziare la sperimentazione è stata compiuta in maniera consapevole e dopo attenta valutazione dei modelli in vitro di cute umana attualmente disponibili. Complessivamente, queste considerazioni giustificano la scelta di un modello di epidermide che apparentemente può apparire "aspecifico", ma che in realtà è molto utilizzato per studi di omeostasi epidermica e della sua patofisiologia. Inoltre, proprio questi studi ed i loro interessanti risultati hanno consentito, come già sta avvenendo, di trasferire l'interesse scientifico su sempre più specifici modelli sperimentali.

Grazie ai risultati sopra descritti, ottenuti su cellule HaCaT ed alla conseguente validazione di specifici protocolli sperimentali, sono attualmente in corso nuovi esperimenti di sintesi cheratinica e di proliferazione cellulare in modelli in vitro che più direttamente riproducono le caratteristiche di cellule implicate nella produzione di capelli in vivo, come ad esempio cheratinociti primari follicolari. Questo consentirà, tra l'altro, di investigare direttamente gli effetti dell'estratto in questione sulla biosintesi di specifiche cheratine implicate nella produzione di capelli. Parallelamente, altri studi sono stati programmati utilizzando sia cellule follicolari di origine dermica che modelli umani ex vivo nel tentativo di approfondire quelli che sono i meccanismi molecolari implicati negli eventi osservati, nonchè di investigare le interferenze del nostro estratto con pathways cellulari che coinvolgono fattori come DHT e/o TGFß.
Infine sono in corso esperimenti di sintesi melanica su melanociti prima umani, per supportare il dato clinico di pigmentazione del capello.

FG
PESO,CONTA DEI CAPELLI :
Per quanto riguarda il peso e la quantità dei capelli nell'area trattata lo studio, a disposizione di questo forum, riporta:

"The study duration was 16 weeks: the group underwent 4
weeks of placebo treatment, consisting in the administration
of identically appearing capsules containing only maltodextrin,
followed by 8 weeks of nutraceutical treatment and
4 weeks of follow-up. Both the examinations and the study
treatment were performed in an outpatient setting. Clinic
visits and hair sampling were performed at weeks 0, 4, 8, 12,
and 16. Hair counts were carried out per area (cm2) of a
predetermined site of bald head skin, by three independent
investigators three times each in double-blind mode. A
number of 100 hairs (1 cm long) were sampled in the neck.
Hairs were weighed by using an ABJ 320-4NM analytical
balance (Zetalab Ltd., Padova, Italy). The hair keratin content
was evaluated by first defatting hair samples with n-hexane
and petroleum ether (4:1) for 4 h in a Soxhlet apparatus, and
then estimating the protein content according to the Kjeldahl
method 920.87, by using a PBI International model Mineral
SIX digester (PBI International, Milan, Italy) and a Buchi
model B-324 distillation unit (Buchi, Flawil, Switzerland)."


9-10-2017
Ancora foto, polemiche ecc

Le foto del lavoro ufficiale non sono chiaramente quelle della versione bozza di cui abbiamo già parlato.
L'articolo non è OpenAccess, vale a dire che non è accessibile a tutti, se non a pagamento. Quando avremo le versioni da poter divulgare le avrete. Puó essere anche che qualcuno di voi è già riuscito ad aprire il pdf, in questo caso tanto meglio. Le foto linkate ora da Koz sono nostre e una credo sia anche riportata nel lavoro.

Per quanto riguarda la dimensione delle capsule le 0 non sono le più piccole in generale, ma le più piccole in cui riescono ad essere contenuti 600mg di estratto. Dovremmo vedere se una farmacia usa capsule ancora più piccole ma in quel caso dovrebbe assumerne più di due al giorno. Se vorrà continuare la terapia, e se questa crede sia l'unica via percorribile per assumere il prodotto, posso aiutarla a trovare una farmacia che potrà fare una preparazione galenica di questo tipo.

Buonasera a tutti,
vorrei prima di tutto dirvi che avere accesso ai dati di uno studio clinico non è assolutamente un diritto, anzi.

Lo spirito di condivisione e di collaborazione con cui cerchiamo di gestire il rapporto con voi, da alcuni non è stato molto compreso. In effetti nessuno del nostro team di ricerca è approdato su IESON per sua libera scelta, sponsorizzando lo studio o il prodotto. Personalmente, da subito ho pensato che potesse essere un reciproco scambio di informazioni utili ai fini di un obiettivo, per certi versi, comune. Ma è evidente che così non si va molto avanti.

Una rivista scientifica internazionale, che ha nominato ben cinque revisori, ha valutato i dati di questo studio, validi sufficientemente da poter essere pubblicati. Abbiamo quindi, esaminatori al di sopra di tutti noi, che hanno reputato il lavoro degno di pubblicazione. Se la cosa vi disturba, sapete con chi prendervela.

Non siamo dermatologi, né tricologi, ma Chimici Farmaceutici che si occupano di nutraceutica, eppure è bene che si sappia che tricologi esperti di questo ambito, hanno visionato le foto e hanno avuto molte meno obiezioni di quelle sollevate qui (luce, posizione, sfondo etc), riconoscendo nel prodotto una potenzialità da sviluppare ancor di più, mettendo a punto uno studio inquadrato sulla tricologia. Vorrei aggiungere che per la rivista “Journal of Medicinal Food” le foto dei pazienti erano un plus. Come qualcuno ha suggerito, i parametri importanti su cui soffermarsi erano altri, tipo le proprietà della molecola e i meccanismi molecolari che regolano i suoi effetti, nonchè i dati numerici sperimentali, quali peso e numero dei capelli, e il contenuto di cheratina. Questo chiaramente è in linea con il target della rivista stessa.

Noi ci siamo messi a disposizione, avrete quasi 20 vostri tester a cui abbiamo fatto provare il prodotto, che alla fine dei 90 giorni vi daranno le impressioni, le foto e tutto ciò che ritenete opportuno, secondo quelle che sono linee guida dettate da voi. Se alla fine di questo periodo non sarete soddisfatti dei risultati, semplicemente non comprerete il prodotto, e non lo consiglierete, stop. Credo che però in questo, avrete ampio margine di libertà per tutte le considerazioni del caso e di più non avremmo potuto fare.
Noi, che con modestia affermiamo di poter improntare un prossimo studio molto più specifico, anche grazie al contributo di professionisti del settore che riconoscono la validità dei dati già ottenuti, andremo comunque avanti con la ricerca e con il nostro lavoro.

12-10-2017
Ho acquistato AppleMets appena uscito in una farmacia di Caserta, la confezione riporta la dicitura: qualità dei contenuti certificata da: Università degli studi di Napoli “Federico II” dipartimento di farmacia.
Mentre nelle foto che trovo su Internet “anche quelle dello shop di ieson” questa dicitura è sostituita da: prodotto salutistico!
Si potrebbe fare luce in tal senso?
Vorrei ringraziare i ricercatori per la loro disponibilità, aggiungo che dopo quasi un mese di utilizzo ho riscontrato un miglioramento apprezzabile di tutta la capigliatura più la comparsa di parecchi capellini.
Le immagini che sono sui vari siti di vendita on-line (sia di farmacie, che quello di IESON) riportano tutti la scatola con scritto "prodotto salutistico".

-Si tratta solo di una questione grafica, il prodotto è sempre quello.
I prossimi lotti,avranno un bollino,che dichiara che il prodotto e'quello originale.Questo perche'sono state usate scatole precedentemente stampate,senza nessun riferimenti all'Universita'


-Buonasera, altra domanda per i dottori: dato che una pillola di Applemets Hair contiene il 100% di selenio raccomandato, 2 pillole sarebbero il doppio e 3 (eventualmente) anche di più.
Potrebbe essere dannoso tutto questo selenio, per lo meno a lungo andare? Anche solo a 2 pillole al dì?

La soluzione già suggerita di alternare una capsula di HDL+ e una di Hair, oppure due di HDL+ e una di Hair è un ottima alternativa per chi non volesse assumere il selenio, lo zinco, o la biotina.



-Sembra opinione generale che dopo 15-20 giorni si abbia una diminuzione della caduta. Dottoressa anche i vostri tester hanno avuto queste tempistiche a grandi linee?

Si, dopo 20 giorni il fenomeno è stato riscontrato nella gran parte delle persone.

19-10-2017
SBALZI DI PRESSIONE,CAPOGIRI ECC
Buongiorno a tutti,
nessuno prima d’ora aveva mai manifestato cefalea o giramenti di testa dopo l’assunzione di AppleMets.
Se volessimo immaginare un’azione ipotensiva dovuta ad un presunto, ma non ancora verificato, rilascio di NO, o a un presumibile effetto diuretico, non sarebbe comunque avallata da alcuna evidenza scientifica.
Nel caso in cui questo effetto collaterale fosse invalidante o comunque persistente, potrei solo immaginare l’opzione di assumere la versione senza zinco, selenio e Biotina.

20-10-2017
SOSPENSIONE PER QUALCHE GG,ASSUNZIONE CON BEVANDE CALDE
Io per qualche giorno ho purtroppo dovuto sospendere a causa di un problemino che mi ha procurato, riproverò ad iniziare tra un paio di giorni. Volevo chiedere alla dottoressa le conseguenze di sospendere in questo modo e riprendere a distanza di giorni...Si vanificano eventuali progressi? Non è che mi sono "giocato" questa cura per sempre?

Un paio di giorni di sospensione non vanificheranno gli effetti, chiaramente più costanti si è (sopratutto all'inizio), meglio è.
Stia tranquillo.

Non ci sono problemi di interazioni o degradazione dei PA assumendo bevande calde.
Ricordo che la capsula e' gastroresistente,quindi se resiste agli ambienti acidi,non puo' subire degradazione con tali bevande.

23-10-2017
-Volevo sapere se il prodotto era "senza glutine".....credo sia importante sapere soprattutto per i celiaci "diradati"

Si il prodotto e'"GLUTEN FREE""

02-11

Buonasera a tutti,
rispondo a qualche domanda, prometto che il prima possibile affronterò anche altri punti.

Come mai la sperimentazione la avete fatta solo a 90 giorni, dato che nei capelli solitamente i risultati apprezzabili si hanno dopo 6 mesi, io avrei protratto il test ad almeno questo intevallo temporale. So che la domanda è già stata posta ma non aveva risposto l'altra volta.

In questa fase preliminare dello studio, il nostro intento era quello di testare la bioattività dell’estratto e quindi della Procianidina B2, assunta per os. In parole semplici, se la sostanza riuscisse a mostrare e confermare, gli effetti che avevamo visto in vitro, anche sull’uomo. Quel periodo di tempo ci sembrava sufficiente per questo scopo. Chiaramente eravamo consapevoli che riuscire a coprire sei mesi di terapia avrebbe fornito dei dati più completi, ma capirete anche che uno studio clinico condotto su 250 persone, per un periodo di sei mesi ha dei costi notevoli che non sempre sono affrontabili con i fondi della ricerca.

Io ho tre domande per la dottoressa o comunque per chi voglia rispondere del suo team:

1 ) Come mai la sperimentazione la avete fatta solo a 90 giorni, dato che nei capelli solitamente i risultati apprezzabili si hanno dopo 6 mesi, io avrei protratto il test ad almeno questo intevallo temporale. So che la domanda è già stata posta ma non aveva risposto l'altra volta.
Ho risposto sopra.

2 ) State testando altre soluzioni per l'alopecia androgenetica, quando avremo dei risultati? Quando termineranno?
Se per altre soluzioni si intende altre formulazioni o altre molecole, la risposta è no. Però stiamo andando avanti in questo studio, perché ci sono molti aspetti da approfondire per poter avere un quadro più ampio e poter ottimizzare ancor di più il potenziale dell’estratto.

3 ) Dato che pare che il prof Brotzu abbia ottenuto dei risultati molto rilevanti con le prostaglandine E1 (e non solo) avete pensato di associare la vostra scoperta a quella del professore?
Non abbiamo mai avuto modo di dialogare con il Professore Brotzu, al momento non è prevista un’interlocuzione poiché vale la pena concentrarsi prima sullo sviluppo di ciò che abbiamo ora.

01-12-2017
INCONTRI SITRI E PARMA
Come vi ha anticipato Proxy, lo scorso fine settimana siamo stati al congresso Sitri a Roma. È stata una giornata molto proficua e soprattutto la prima occasione per entrare pienamente a contatto con una realtà nuova per noi. Abbiamo incontrato molti medici che erano già a conoscenza del prodotto, molto spesso sotto segnalazione degli stessi pazienti, a cui abbiamo mostrato lo studio e risposto ai loro quesiti. Ci siamo confrontati con il Dottor Gigli, che circa un mese fa ebbe modo di parlare con il Professore Novellino in occasione di un convegno tenuto qui in Dipartimento. Il Dottor Gigli già da un po’ prescrive AppleMets ai suoi pazienti. Lui e il Professore si incontreranno nuovamente a Gennaio, poichè probabilmente al Sitri di questa Primavera, saremo relatori e potremo mostrare i risultati degli prossimi test, qualora fossero pronti.

In accordo con i miei impegni, cerco di aggiornare di pari passo i Power Point non appena arrivano nuove foto. Le immagini al dermoscopio, come ad esempio quelle di Proxy, o quelle di Machi (a cui faccio un ringraziamento particolare per l’impegno che sta mettendo nel comunicarci la sua esperienza), sono a mio giudizio molto utili e soprattutto abbastanza esplicative di come ci sia un reale movimento (impossibile da apprezzare a occhio nudo), molto spesso in zone che prima erano glabre. In effetti sono state mostrate anche ai Dottori nel fine settimana, che le hanno trovate di notevole interesse e rappresentano un potenziale su cui lavorare ulteriormente.

Quando avremo le foto di tutti i tester a 60 giorni, direi di cominciare a tirare le somme sulle prime risposte alla cura. Anche perché, laddove ci siano tutti i presupposti del caso, potremmo immaginare di prolungare il mini trial a 6 mesi.

A Pavia sono stati discussi alcuni dei risultati dei primi test di laboratorio sulla questione pigmentazione e inscurimento dei capelli. Ho inviato delle slide con annessa spiegazione a Proxy, e siamo rimasti che farà direttamente un articolo su calvizie.net.

Stiamo proseguendo la sperimentazione scientifica sugli effetti di AMS nell'ambito di trial preclinici, sono stati programmati esperimenti su particolari modelli cellulari in vitro basati sull'utilizzo di cellule umane primarie, selezionate ad hoc dalle categorie "hair cell system" e "skin cell system". A differenza degli studi in vitro preliminari condotti finora sulla linea cellulare HaCaT, i modelli cellulari che saranno utilizzati per queste nuove ricerche derivano direttamente da biopsie umane acquisite da specifici distretti cutanei (tipicamente regioni occipitali e temporali della nuca). In questo contesto, tra le varie banche e risorse cellulari fruibili, la tipologia di donatori disponibili (razza, sesso, età, pigmentazione, ecc) è stata accuratamente selezionata al fine di garantire le migliori condizioni sperimentali per realizzare mirati e più approfonditi test preclinici. La possibilità di lavorare su colture primarie ci consentirà di valutare risposte molecolari al trattamento con AMS in cellule che derivano direttamente da tessuti umani e che, mantenute in opportune condizioni fisiologiche e non essendo geneticamente modificate, conservano inalterate tutte le caratteristiche metaboliche e funzionali dei tessuti da cui sono state isolate. Questo rappresenta un grande vantaggio che giustifica la scelta di "complessi" modelli sperimentali in vitro, congiuntamente alla possibilità di ottenere dati sperimentali del tutto sovrapponibili a quelli della sperimentazione in vivo. Tra le varie tipologie di linee cellulari primarie disponibili nell'ambito dei sistemi prima menzionati, cheratinociti follicolari epidermici e fibroblasti follicolari delle papille dermiche sono stati selezionati per una prima fase dei test preclinici, in qualità di cellule direttamente coinvolte nella biogenesi dei capelli. Più in dettaglio, i cheratinociti follicolari sono implicati nell'espressione di cheratine che costituiscono esclusivamente la struttura del capello [K81-K86 (type II), K31-K40 (type I)], localizzate sia nella corteccia che nella cuticola, e pertanto rappresentano le cellule principali del follicolo pilifero. Le cellule follicolari dermiche si trovano invece alla base dei follicoli dei capelli e giocano un ruolo chiave in tutti i processi di regolazione che controllano crescita e proliferazione del capello stesso. Pertanto, utilizzando questi modelli cellulari contiamo di avere a breve informazioni ancora più dettagliate sugli effetti di AMS sulla biosintesi e sull'espressione di specifiche cheratine implicate nella formazione dei capelli, nonchè sulla regolazione della crescita, della proliferazione e del differenziamento di cellule direttamente coinvolte nella biogenesi delle produzioni cutanee. Parallelamente a questi studi, di natura prevalentemente "osservazionale", sono in fase di progettazione una serie di ricerche nel campo della biologia molecolare basate sulla biotecnologia dei microarray, utili per valutare il profilo di espressione di geni coinvolti nella regolazione della crescita del capello. Queste indagini saranno finalizzate ad una comprensione di quelli che sono i principali meccanismi molecolari implicati negli eventi osservati, nonchè dei principali pathways molecolari che possono essere stimolati o inibiti dal trattamento in vitro con AMS, e saranno pertanto di importanza centrale per sviluppare ulteriormente e migliorare le possibili strategie terapeutiche e nutraceutiche in grado di garantire effetti benefici sulla crescita ed il trofismo dei capelli.

Concludo dicendo che per avere dei risultati, positivi o negativi che siano, ci vorranno mesi. Probabilmente se ne parlerà direttamente ad Aprile in occasione del Sitri, e non è detto nemmeno che riusciremo a concludere tutto. Già precedentemente ho cercato di spiegare che questi sono tempi normalissimi per la ricerca ed è inutile chiedere continuamente novità o approfondimenti.
Chiedo infine un po’ di comprensione se sono poco in linea ai tempi del forum, da sola sto gestendo la comunicazione con l’esterno, non parlo esclusivamente di IESON, ma in generale siamo ormai travolti da mail, telefonate, incontri e non è facile stare dietro a tutto questo cercando di continuare a fare anche il mio lavoro.




Per tutti coloro che non leggono e fanno sempre le solite domande , ribadisco ancora una volta.
La scheda UFFICIALE è solo QUESTA :
https://www.hairshopeurope.com/applemets-hair

Il prodotto non è ancora distribuito a livello nazionale,si trova in Campania,Lazio e su shop online
POSOLOGIA DI ASSUNZIONE:
Allora la posologia indicata dalla dottoressa :
Due cps al giorno in differenti momenti della giornata,anche 15-20 minuti prima dei pasti.
Le capsule ed il principio attivo sono gastroresistenti,quindi non ci sono particolari problemi di assunzione anche in prossimità dei pasti principali.
90 giorni tempo minimo per ottenere dei risultati.
180 giorno il prodotto "dovrebbe dare il massimo",poi si passa al mantenimento 1 cps al giorno.



Per i nostri TESTER,questa la lista UFFICIALE E COMPLETA,la prima trance di prodotti e' stata spedita questa mattina,il resto lunedi.

Ribadisco ancora il fatto che verranno inviate confezione diverse da quelle vendute in farmacia, quindi anche qui evitare polemiche inutili.
Il trattamento sarà di 90 gg, verrà indicata la posologia.

Ad ora i TESTER ufficiali sono:

-Mr.blushine Materiale inviato OK

-Stromet Materiale inviato OK

-Stanco Materiale inviato OK

-Marco 992 Materiale inviato OK

-Andrea Tucci Materiale inviato OK

-Giovanni Caridi Materiale inviato OK

-battery 00 Materiale inviato OK

-Ludoc Materiale inviato OK

-riccardo123 Materiale inviato OK

-kikkokal Materiale inviato OK

-Ten Tigers Materiale inviato OK

-Emerson Materiale inviato OK

-Pieramar Materiale inviato OK

-Suphan Materiale inviato OK

-Aldos 1981 Materiale inviato OK

-AD3 Materiale inviato OK

-SR75 Materiale inviato OK

RIBADISCO:
Per quanto riguarda il nostri TESTER,le situazione sono le piu' svariate,aga avanzata,molto avanzata,stempie,psicogena,diradamento generalizzato(maggiori sono i casi di AGA AVANZATA)

Anche oggi(perche'poi i maniaci delle foto avranno da ridire),avviso che la qualita' delle foto dei nostri TESTER e' molto "homemade".
Quindi evitate i soliti commenti,delle luci,testa spostata ecc ecc ecc
grazie a tutti per la collaborazione


CONTATTI CON IL PRODUTTORE FARMALABOR:
Email: info@farmalabor.it
da usare per richieste specifiche sul prodotto in se(capsule,scatole,formati ecc )

CONTATTI CON IL DIPARTIMENTO DI FARMACOLOGIA

Contatti:
fabrizia.guerra@unina.it
-
roberto.ciampaglia@unina.it-
giancarlo.tenore@unina.it
-
nutrapharmalabs@unina.it
081.678403

BUONA LETTURA IN QUESTO MODO SI EVITERANNO LE SOLITE DOMANDE TRITE E RITRITE

TUTTE LE DOMANDE CHE PORTANO FUORI DALLA DISCUSSIONE, CREANO CONFUSIONE ECC VERRANNO ELIMINATE.



Proxy®

Per approfondimenti leggete www.calvizie.net
La mia cura:http://www.ieson.com/topic.asp?TOPIC_ID=8613
Ricordate di leggere la Netiquette del forum:
http://www.ieson.com/topic.asp?TOPIC_ID=59542
NON SONO UN MEDICO,I MIEI CONSIGLI PROVENGONO SOLO DA ESPERIENZE PERSONALI
ACQUISTARE FARMACI ONLINE E' REATO ATTENZIONE
 
Vai a:
IESON.com / Calvizie.net   -   La Community anticalvizie.
Copyright 2001-2017 - tutti i diritti riservati - riproduzione anche parziale vietata